Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

La Germania abbraccia Angelo Branduardi

Angelo BranduardiUn'icona, un mostro sacro della musica italiana, capace di declinare la musica colta nel linguaggio popolare, e viceversa, con una leggiadria e un gusto artistico fuori dal comune: stiamo parlando di Angelo Branduardi, cantatutore, violinista, chitarrista e polistrumentista italiano noto e apprezzato in tutto il mondo.

Da sempre dedito alla riscoperta di testi e musiche, italiane ed europee, appartenenti a un patrimonio storico spesso dimenticato, Angelo Branduardi, con i suoi quasi 40 anni di attività artistica, vanta ormai un'esperienza invidiabile a livello nazionale e internazionale: lo dimostrano i suoi tour, che lo vedono spesso protagonista anche in Francia, Belgio, Olanda, Svizzera e Germania.

Il nuovo anno per lui è cominciato, artisticamente, proprio in terra tedesca: il debutto del suo nuovo tour - "Il Rovo e La Rosa" - lo ha visto infatti protagonista l'11 a München, il 12 a Frankfurt, il 14 a Wiesbade, il 17 a Bonn, il 18 a Dortmund, il 19 ad Hannover, il 21 ad Hamburg, il 22 a Berlin e il 23 a Leipzig.

"Il Rovo e La Rosa Tour" segue la pubblicazione de "Il Rovo e La Rosa, Ballate d'amore e di morte", nuovo album in cui, ancora una volta, è riuscito a fondere sonorità moderne e tradizioni antiche, questa volta risalenti al periodo elisabettiano: in questa nuova esperienza live, Branduardi ha chiesto ai suoi fans di immaginare di ritrovarsi in un giardino magico, dove entrare la mattina presto a piedi nudi, senza far rumore, per ascoltare e apprezzare una musica che conta più per ciò che non dice che per ciò che dice.

Il riscontro del pubblico tedesco, ovviamente, è stato come sempre straordinario: l'artista, una volta completato il tour estero - ultima data al di là dei confini italiani quella a Paris, il prossimo 7 febbraio - lo proporrà anche in Italia per ricevere, dai suoi connazionali, lo stesso affetto ed entusiasmo ricevuto finora.

http://www.youtube.com/watch?v=erCQlPhnw4o



Tag:

Commenta