Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

“Nati per la musica” lancia il suo manifesto: l’importanza della musica per il bambino

Nati per la Musica su Musica Popolare Italiana

Oggi vi vogliamo parlare di "Nati per la Musica", un programma nazionale che da quasi 10 anni si occupa di sensibilizzare la società civile sugli effetti positivi della pratica musicale precoce sullo sviluppo del bambino (da un punto di vista cognitivo, emotivo e del linguaggio) e sulla relazione con i genitori.

Negli ultimi anni evidenze scientifiche hanno dimostrato che l’esperienza musicale precoce, cioè dall’epoca prenatale ai primi 6 anni di vita, favorisce lo sviluppo cognitivo, linguistico, emotivo e sociale del bambino, con effetti benefici e positivi anche sulle interazioni familiari. Tali esperienze aumentano sia i tempi di attenzione e la capacità di discriminazione uditiva del bambino sia le abilità linguistiche, di lettura, di coordinazione motoria e di interazione, portando quindi ad un trasferimento delle competenze acquisite musicalmente in attività extramusicali.

Nati per la Musica, quindi, promuove e sostiene l'ascolto di diversi e vari generi musicali, tra cui anche la musica popolare e proveniente dalla tradizione, come mezzo per trasmettere la cultura ai bambini: nato nel 2006, questo progetto si attua grazie alla preziosa alleanza tra pediatri, altri operatori sanitari, musicisti, educatori, insegnanti e bibliotecari.

In occasione della Giornata Europea della Musica del 21 giugno, Nati per la Musica ha lanciato il suo manifesto “Le buone pratiche musicali aiutano i bambini a crescere" per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'importanza della musica nello sviluppo complessivo del bambino: il manifesto ha già ricevuto il supporto di esponenti del mondo sanitario, musicale, dell’arte e della cultura, della ricerca e delle scienze ed è aperto a nuove adesioni. Tra i primi firmatari, la cantautrice Elisa, il jazzista Paolo Fresu, il direttore dell'Orchestra dell'Accademia di Santa Cecilia Antonio Pappano, l'ex Ministro della Cultura Venezuelana José Antonio Abreu, i maestri Daniel Barenboim, e Riccardo Muti e la neuroscienziata americana Nina Kraus.

Nati per la Musica





Commenta