Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Cisternino il borgo cantato

Su musica popolare italiana CisterninoContinua il viaggio del nostro blog alla ricerca delle terre di musica popolare italiana. Dopo aver fatto tappa al Nord con i Suoni delle Dolomiti, oggi ci fermiamo in un paese in provincia di Brindisi. Cisternino, un piccolo borgo con una grande storia, sopravvissuto a diverse barbarie e distruzioni.

Un borgo pieno di fascino in cui i vicoli e i cortili, l’interno e l’esterno di case danno il senso di una piccola comunità familiare con vincoli di amicizia e solidarietà assai forti e radicati nel tempo. Una tipica pavimentazione in pietra, la chianca, suggestiona le passeggiate degli abitanti e dei visitatori per il continuo gioco di luci e ombre.

Tra Ottocento e Novecento, il paese ha cominciato a svilupparsi al di fuori della cinta muraria, Nel borgo sono diversi gli edifici storici di maggior pregio. Solo per citarne alcuni, la torre e la chiesa che si affacciano sulla piazza.

La Torre normanno-sveva, recentemente restaurata, è alta 17 metri ed è stata eretta nell´XI secolo dai Normanni, poi ricostruita in larga parte sul finire del XIV e rimaneggiata più volte nelle epoche successive. Sulla sua sommità è posta una piccola statua di S. Nicola benedicente. La Chiesa di S. Nicola, nota come Chiesa Madre, è stata edificata nel XII sec. sulla precedente chiesa dell'VIII sec., di cui oggi restano le fondazioni, e modificata nel corso del tempo.

Su musica popolare italiana il borgo cantato

Il Palazzo vescovile costruito nel 1560, il Palazzo del Governatore (sec. XVI), i palazzetti nobiliari delle famiglie Pepe e Cenci, la chiesetta di S. Lucia (sec. XVII) e, fuori le mura, la torre e il Palazzo Amati, in via S. Quirico, la Chiesa di S. Cataldo, la Chiesa di S. Quirico, eretta tra Sei e Settecento le location più rilevanti.

La musica? Si fa spazio in tutto il borgo. E dal 2005 trasforma Cisternino in un vero e proprio Borgo Cantato. Il Borgo cantato è il Festival della musica tradizionale in Valle d'Itria, è uno dei momenti di incontro più importanti tra le tradizioni, i musicisti, gli artigiani, gli artisti, le espressioni musicali.

Da domani venerdì 4 luglio a domenica 6 luglio 2014 in primo piano verranno messe le musiche e i canti popolari della Valle d’Itria e più in generale della Puglia, così come le tante diverse espressioni della tradizione musicale delle altre regioni del Sud Italia. Tutte forme artistiche tradizionali che rappresentano un patrimonio da valorizzare e da proporre alle nuove generazioni che incontrano il Borgo Cantato. Quest’anno a colorare il borgo tre gruppi: Malicanti, Anticanota, Mantici in vita.

L’Italia tutta risuona.

http://youtu.be/0NZAVgR7c5Q



Tag:

Commenta