Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Lo scacciapensieri e i suoni della tradizione

Oggi il nostro primo piano è legato ad uno strumento tipico della musica popolare italiana e non solo. In giro per il mondo proviamo a ricercare lo scacciapensieri costruendo un itinerario particolare.

Lo scacciapensieri o marranzano è uno strumento musicale idiofono costruito da una struttura di metallo ripiegata su sé stessa a forma di ferro di cavallo in modo da creare uno spazio libero in mezzo al quale si trova una sottile lamella di metallo che da un lato è fissata alla struttura dello strumento e dall'altro lato è libera.

Su musica popolare italiana il marranzano

È uno strumento diffuso e conosciuto in tutto il mondo con caratteristiche morfologiche diverse. Troviamo tracce in Europa e India a partire dal XIV secolo. In una piccola località della Val Sesia, siamo in Piemonte ai piedi del Monte Rosa, troviamo uno dei centri di produzione più rilevante di scacciapensieri, precisamente a Boccorio. Qui lo strumento era conosciuto come ribeba e cennamella. Da questo centro di produzione, attivo dai primi anni del Cinquecento, si esportavano strumenti in America centrale e settentrionale. La diffusione negli anni dell'armonica a bocca ha ridotto la commercializzazione e la produzione dello strumento. Alla produzione di Boccorio proponiamo una tradizione ed esperienza completamente diversa: la costruzione di scacciapensieri legata ai costruttori girovaghi come i Rom calderai della Campania e Calabria, produttori artigianali. In Austria, precisamente a Molln, troviamo un altro centro di produzione in area alpina molto importante. Curioso è stato ricercare tracce dello strumento all’interno della cultura asiatica, dove lo strumento è costituito da un’unica lamella di bambù con una lingua mobile molto sottile al centro che viene pizzicata. Nell'altopiano del Tibet, ad esempio, lo scacciapensieri viene suonato come base di un particolarissimo canto bifonico, tipico di queste regioni. Lo scacciapensieri di bambù conosciuto come kubing o kumbing è usato nelle Filippine, ed è presente in molte canzoni neo-popolari di artisti quali Joey Ayala e Grace Nono. Gli igorot sono gli unici che producono l'afiw (lo scacciapensieri) fatto di bronzo. Nel territorio turco lo strumento viene utilizzato dai popoli Sakha o yakut e dai Tuvani e prende il nome di xomus o khomus. Nel Sindh è chiamato Changu. Nella musica Sindhi lo scacciapensieri svolge la funzione di accompagnamento. Uno dei più famosi suonatori è Amir Bux Ruunjho.

Oggi l’uso di questo strumento è molto diffuso in alcune regioni dell’Italia meridionale: marranzano, moranruni, marauni, maranni, mariolu, malarunni e molti altri in Sicilia, tromma zingara, trummella, mariolu, marioda in Calabria, trunfa, trumba, zampurra, biurdana, ribelvia, sona-sona in Sardegna, Tromma de li zingari in Campania. Lo scacciapensieri viene suonato seguendo tecniche particolari e di assoluta precisione cercando di regolare l'altezza dei suoni attraverso i diversi posizionamenti della lingua. L'oggetto in esecuzione diventa un tutt'uno con il corpo del musicista, all’inizio sembra una protesi poi un solo corpo che a seconda dell’esecuzione emette vibrazioni variabili accompagnate dal basso o emette un suono unico senza vibrazioni. Una menzione speciale va dedicata a due città simbolo della musica popolare: Catania e Maranola. Catania sede dal 2005 del Marranzano World Festival, una manifestazione biennale dedicata allo scacciapensieri. La kermesse mette in primo piano lo strumento musicale siciliano per eccellenza, una delle tradizioni più conosciute nel mondo, segno di una terra di musica: la Sicilia, terra dove le antiche tradizioni e le nuove sperimentazioni consentono di riscoprire suoni e culture distanti.

Maranola, sede del Festival di Musica e cultura tradizionale, giunto alla sua XXI edizione. Quest’anno Maranola ha dedicato uno spazio alla cultura e alla promozione dello scacciapensieri attraverso una mostra e un crocevia di artigiani da tutto il mondo. Maranola e Catania, vere terre dei suoni.

http://youtu.be/E3WfCGElCMk



Tag:

Commenta