Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Da Lecce a Catania fino agli States: ecco i Musicàntica

MusicanticaDa Lecce a Catania fino agli States: la magia di assemblare culture e tradizioni musicali diverse nella storia di Enzo Fina e Roberto Catalano, così bravi da riuscire a coronare il loro sogno di esportare il 'made in Italy' negli USA attraverso il progetto Musicàntica.

Enzo Fina, originario di Salice Salentino (LE) e da sempre appassionato del rapporto tra musica ed arti visive, oltre ad essere un valente musicista è creatore di strumenti che fondono pittura, scultura e musica. La sua carriera artistica  lo ha visto collaborare e far parte di diversi gruppi musicali: il Canzoniere di Ricerca Popolare, Carmenzo e Antico Grooves. Molto intenso anche il suo coinvolgimento con gruppi teatrali (Teatro Infantile di Lecce, Mediterranea, Teatro La Pupa de Sevilla, Vox Dance Theater) e produzioni cinematografiche. Oggi, oltre a insegnare musica e arti visive, lavora come musicoterapeuta presso il Children Hospital di Los Angeles, città in cui vive.

Roberto Catalano, compositore e polistrumentista dalla trentennale esperienza, è nato invece a Catania: è qui che, nel 1973, ha iniziato la sua carriera musicale come chitarrista autodidatta. Il fascino delle culture musicali del Mediterraneo non lo ha lasciato indifferente, al punto da portarlo a conseguire un dottorato di ricerca in Etnomusicologia presso la UCLA. Da ricordare, nella sua carriera, la collaborazione col gruppo siciliano Ammaruvaja, il Jamie Tatro - Roberto Catalano duo, trio & quartet, oltre a grandi esperienze che lo hanno visto suonare con Jim Hall, Michel Petrucciani e John Scofield. Come Enzo Fina, anche Roberto Catalano è creatore di strumenti e insegnante di musica a Los Angeles.

Dal sodalizio artistico di questi due artisti è nato Musicàntica, ensemble incentrata principalmente sulla tradizione orale della musica del Sud Italia: non soltanto quella pugliese e siciliana, quindi, ma anche quella dell'intera area mediterranea. Il progetto intende infatti riportare alla luce musica e parole della tradizione popolare - dove i protagonisti sono contadini, pescatori e venditori ambulanti - fondendola con sonorità moderne. Anche molti degli strumenti utilizzati sono rigorosamente 'made in Italy': tra questi il tamburieddhru, il putipù, la chitarra battente, il marranzanu, ecc.

http://www.youtube.com/watch?v=vkVkj2LgTGQ



Tag:

Commenta