Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Live targato Teatro L'ArciLiuto

Per_chi_suona_la_campanaQuesta sera 10 marzo 2014 faremo tappa a Roma. Ci attende il Teatro della musica e della poesia L’ArciLiuto con una serata omaggio. In primo piano Giancarlo Cesaroni e le sue “stanze polverose”. Dopo le 20.30 l’appuntamento è Per chi suona la campana.

Ogni lunedì (e non solo) al teatro Arciliuto musica dal vivo! Molti cantautori, da tutta Italia, si alterneranno in compagnia di un antico pianoforte. Questa sera lo spazio è tutto per il retrofolk dei Cardamomò, il cantastorie Marcondiro, il folk d’autore targato BandaJorona e per il cantautore romano Fabio Tettoni.

Provare a scoprire e dar valore ad un mondo musicale troppo spesso dimenticato, troppo spesso all’angolo è la scommessa del Teatro L’ArciLiuto.

Giancarlo Cesaroni è all’interno del panorama musicale una delle figure più importanti della storia della canzone italiana. Ricordare Cesaroni vuol dire ricordare il FolkStudio e ricordare diverse generazioni di artisti che hanno contribuito a rendere la canzone italiana importante nel panorama mondiale. Cantautori come Antonello Venditti, Francesco De Gregori, Giorgio Lo Cascio, Ernesto Bassignano, Stefano Rosso, Grazia Di Michele, Sergio Caputo, Rino Gaetano, Mimmo Locasciulli e Corrado Sannucci.
La coscienza musicale del nostro paese non può dimenticare e omettere una figura del genere.
Nelle stanze del suo club romano, il Folkstudio crea negli anni uno spazio vero in cui esibirsi, esprimersi, un luogo dove incontrarsi e confrontarsi. Un luogo dove far abitare il folk, il blues, il jazz, la musica etnica, la canzone d’autore e quella politica, la musica africana, indiana, brasiliana, irlandese. Cesaroni, che ha saputo proporre negli anni sempre personaggi nuovi e interessanti, suoni inediti e originali, da più di dieci anni ci ha lasciati. Il teatro l’ArciLiuto lo omaggia attraverso un percorso fatto di versi e note, musica e parole. In primo piano il tempio della musica che era a Roma e si chiamava Folkstudio.



Tag:

Commenta