Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Notte della Taranta, la pizzica salentina incontra Napoli

Notte della Taranta, la pizzica salentina incontra Napoli

Andrea Mirò, musicista, autrice, produttrice, cantante, direttore d'orchestra e ora anche Maestro concertatore della XXI Notte della Taranta, il più grande evento di musica popolare d'Europa, che torna il 25 agosto a Melpignano (LE), ripreso da Rai5, in conclusione di un festival lungo 20 tappe per il Salento, questa edizione sul tema del paesaggio (al via il 3 agosto).

 

 

''Il Concertone della Notte della Taranta - racconta Mirò - ormai è un evento più che italiano. La base è sempre la contaminazione, tra una tradizione incredibilmente dinamica e 'nuovi' generi. Poi ogni Maestro da la sua cifra. Io metterò a disposizione il mio background: parto dalla classica, ho attraversato il folk, mi esprimo con il rock e cantautorato''. Canterà, suonerà, ''chissà potrei anche ballare'', sorride.

Mirò sarà la seconda donna Maestro concertatore in 21 edizioni (''Noi donne dobbiamo sempre passare un po' più prove. Sono abituata a saltare gli ostacoli''), novità di quest'anno, il debutto del rap freestyle con la partecipazione di Clementino. Il sassofono di James Senese e la voce di Enzo Gragnaniello racconteranno invece l'incontro tra Napoli e la pizzica salentina.

Il rapper Clementino, Enzo Gragnaniello, James Senese, Frank Nemola, Davide Brambilla, Après la Classe, Yilian Canizares, Dhoad Gypsies, e il poeta popolare salentino Mino De Santis  sono gli ospiti del Concertone della Notte della Taranta di Melpignano; al cast si unirà l'ospite internazionale che sarà annunciato il 24 luglio a Lecce.

Con il  violino e la voce di Yilian Canizares si viaggerà nel mondo tra griko (lingua minoritaria della Grecìa salentina) e yoruba (lingua degli antenati dell'Africa occidentale), tra ritmi latini e jazz. Dall'India, sul palco di Melpignano, approderà la ricca cultura e tradizione del Rajastan con il gruppo Dhoad Gypsies, poeti, cantanti, acrobati e ballerine del paese dei Maharajà. Le sonorità esotiche con lo ska-punk della band salentina Après la classe si mescoleranno al sound potente e deciso dell'Orchestra popolare che ospiterà i musicisti Frank Nemola, trombettista leccese dal 1998 nella band di Vasco Rossi e Davide "Billa" Brambilla, fisarmonicista.

Sarà la voce profonda di Mino De Santis a interpretare l'inedito brano dedicato al paesaggio, tema centrale dell'edizione 2018 del Festival, scritto dal cantautore di Tuglie. Musica ma anche danza nella notte dei 200mila pizzicati. A guidare il corpo di ballo sarà il coreografo Massimiano Volpini che dal 2001 collabora con Roberto Bolle.

"Partirò dalla pizzica, ha spiegato Volpini,  per esplorare altri linguaggi, siamo già a lavoro con il maestro concertatore per trasformare il palco di Melpignano in un immenso paesaggio di emozioni"

"La scelta di Andrea Mirò  è motivata - ha spiegato il presidente della Fondazione Massimo Manera - dalla sua grande conoscenza della musica. Ancora una volta la formula del Concertone che prevede ogni anno un maestro concertatore proveniente da un genere musicale diverso, ci ha spinto a lanciare una nuova avvincete sfida: scegliere un direttore d'orchestra donna, polistrumentista con una formazione classica che spazia con disinvoltura nelle arti: musica, cinema, teatro e che pone al centro della sua attività la ricerca. Avendo esplorato il mondo di Francesco Guccini, Giorgio Gaber e Georges Brassens, Mirò donerà al Concertone la sensibilità dei grandi poeti popolari".

 





Commenta