Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Esce il nuovo disco dei Beddi Musicanti di Sicilia

Esce il nuovo disco dei Beddi Musicanti di Sicilia

Della Rivoluzione… e di altri Folklorismi, il nuovo disco dei Beddi Musicanti di Sicilia , gruppo catanese formato da Mimì Sterrantino: Voce, Chitarra acustica e battente, Armonica, Mandolino; Davide Urso: Voce recitante, Tamburi a cornice, Marranzani, Mandolino, Chitarra battente; Giampaolo Nunzio: Voce, Organetto, Zampogna, Friscalettu e Fiati, Mandolino; Pier Paolo Alberghini: Contrabbasso; Alessio Carastro: Batteria Etnica, Congas, Djambè, Percussioni; Ciccio Frudà: Chitarra elettrica, Mandola, Mandolino, sarà presentato in prima nazionale nuovo sabato 30 luglio prossimo, alle ore 21.30 a Furci Siculo (ME) da dove partirà anche il loro Tour 2016. L’armata dei pupi siciliani è pronta per rivoluzionare la rivoluzione a colpi di Sicily Unconventional Folk.

I Beddi musicanti di Sicilia, protagonisti di questo scontro musicale in difesa di ogni genere di cultura, duelleranno con le armi della fantasia, scagliando fendenti gentili con i loro tipici strumenti musicali.
Una storia quella dei “Beddi”, che parte da molto lontano. Il 27 maggio 2010, infatti, i Beddi musicanti di Sicilia vinsero l’11° edizione del Festival Della Nuova Canzone Siciliana – Premio Trinacria – organizzato dallo staff di Antenna Sicilia con il Brano Tarantella blues. Tarantella Blues è il pezzo centrale del secondo CD: “Siciliazero”, che la band presentò in anteprima il 9 luglio 2010 in Malesia al Reinforest music fest. Siciliazero seguiva la scia di “Ppi jopcu e pp’amuri” primo lavoro discografico prodotto dall’Associazione Culturale il teaser disco beddi per fbTamburo di Aci nel 2008. Nel dicembre del 2012 uscì il terzo lavoro discografico dedicato alla tradizione del Natale siciliano: “E falla bedda la ninnaredda”. Nel 2014 la band ricevette due importanti riconoscimenti: il premio Cruijllas conferito dall’Associazione Culturale Sikania, che scelse i Beddi musicanti di Sicilia per rappresentare la Sicilia nel mondo; e il premio Corrado Maranci assegnato dall’Ass. Siciliana di Musica Popolare Cori di Val d’Anapo per l’attività svolta con prestigio in ambito nazionale e internazionale.

Il 2016 è l’anno della “Rivoluzione”; dopo due anni di fatiche in sala prove e in sala di registrazione, vede l’alba l’ultimo innovativo lavoro discografico: Della rivoluzione… e di altri folklorismi. Nasce col disco un suono nuovo, un genere musicale completamente rinnovato il Siciliy Unconventional Folk; il folk già degenere e destrutturato de i Beddi musicanti di Sicilia viene ulteriormente contaminato sia con musiche di altre regioni del mondo, sia con generi moderni come Pop, Rock, Blues, Country, Surf, Musica Barocca, Jazz e non solo. Il disco vanta anche numerosi ospiti del calibro di Santi Pulvirenti, Rita Botto, Totò Nocera, Daniele Zappalà, Antonio Putzu, Fratelli Navarria, Carmelo Trimarchi, Mario Gulisano.

Il gruppo ha all’attivo partecipazioni a compilation, a colonne sonore di documentari, a sigle televisive, e inoltre può vantare diverse partecipazioni televisive (anche su reti nazionali ed internazionali). Negli anni ha svolto un’intensa attività concertistica, avendo partecipato a numerosi festival di musica popolare in Sicilia, Calabria, Puglia, Campania, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Toscana, Piemonte, Danimarca, Austria, Belgio, Olanda, Spagna, Tunisia, Malta, Malesia.
E allora calza a pennello l’invito in rima che il gruppo fa a chi ama la musica buona e la nostra terra: “Ciuri di ficudinia e pampina di viti. Lu trenta viniti a Furci ca nun vi ni pintiti”.



Tag:

Commenta