Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Nessuno resiste al ritmo della tarantella

Su musica popolare italiana il blog d'autore firmato Francesca TrentaInizio oggi con il blog di musica popolare italiana un percorso in cui proverò a raccontare il valore del ballo sotto tanti punti di vista. Oggi proviamo a scoprire come il ballo diventi una forma di comunicazione e socializzazione. E lo facciamo attraverso una storia, una di quelle tante storie che ho incontrato.

In questi anni la mia allieva più piccola è stata di 2 anni e mezzo, poi di 4; dai 5 in su sono già simili alle donne che diventeranno. La più grande ne ha 72 e danza con tutto il  fascino  della sua età..

Quando vedo danzare insieme donne e uomini completamente diversi fra loro per età, provenienza geografica, stato sociale, attitudini mentali e fisiche, mi rendo conto che la danza popolare è in grado di realizzare un piccolo miracolo. Cadono tutte le barriere della comunicazione, il più grande insegna al più piccolo da cui però riceve energia nuova.. una rinascita. Alcune donne ritrovano una femminilità che non traspare nel loro quotidiano.. iniziano con timidezza, pensando di dover imparare qualcosa, si applicano tutti sul comprendere il passo, il ritmo, il tempo, il gesto...poi lascio che scoprano come invece sia tutto il contrario.

Non c'è nulla da imparare, quanto da lasciare che si manifesti qualcosa che abbiamo già.. una comunicazione del corpo naturale, legata alla nostra esperienza personale.. non si può insegnare qualcosa che è già nell'uomo e nella donna, si può solo "condurre", trovare la chiave per "togliere" e lasciare che la nostra "persona che danza" esca fuori in tutta la sua naturale e unica energia... per danzare con la propria personalità, con il ritmo del proprio corpo..

Nessuna danza può essere uguale all'altra.. gli stili del ballo popolare hanno delle caratteristiche precise, che ci hanno permesso di classificarli, ma il fascino di ogni tarantella è proprio nella  personalizzazione che ogni uomo, donna o bambino che la esegue può dargli. Credo che sia per questo motivo che negli ultimi anni vi è stato un grande e rinnovato interesse verso questo ballo antico che riesce a far danzare insieme in modo nuovo e vecchio generazioni lontane fra loro.. una grande comunicazione che non ha bisogno di parole.

La tarantella è ritmo, batte costante come il cuore.. si sa quando inizia ma non quando finisce.. si ripete in modo ciclico, come la vita, le terzine del tamburo si incastrano, le combinazioni coreutiche dei passi si ripetono simili ma mai uguali come le passate dell'organetto.. tutto è misurato, conosciuto, studiato.. poi liberamente improvvisato lasciando che sia solo la voglia di comunicare con l'altro a tracciare la strada della danza..

A presto,

Francesca Trenta



Tag:

Commenta