Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

L’Orchestra dei Braccianti, la musica che restituisce dignità

L'Orchestra dei Braccianti, la musica che restituisce dignità

Diciotto musicisti, tra professionisti e giovani talenti, provenienti da 9 paesi diversi. Tra loro alcuni braccianti agricoli africani dei ghetti del foggiano, con una storia difficile alle spalle.

 

 

Questa è l’Orchestra dei braccianti che partendo dalla Puglia, a poco più di un mese dal suo esordio, sta riempiendo auditorium e teatri nel Sud Italia, arrivando a fissare un prossimo concerto a Treviso.

 

Lo spettacolo è travolgente, denso di sonorità e tradizioni di provenienze diverse e remote, a cui la musica  tradizionale italiana si riscopre sorprendentemente affine. Le lingue, i dialetti e le storie vanno ad intrecciarsi a melodie strazianti, espressione dello sfruttamento e della povertà; ma anche a ritmi tambureggianti di riscossa ed emancipazione. Dal folk al blues, dalla musica africana a quella indiana. Per arrivare alle sonorità più moderne, pop e rap.

Ogni musicista ha il suo spazio espressivo. Dal poli-strumentista tunisino, al chitarrista e cantante libico. Dal percussionista e cantante indiano, al cantautore e tastierista nigeriano e così via fino ad arrivare al chitarrista e compositore abruzzese; all’etno-musicologo pugliese.

L’Orchestra dei braccianti nasce all’interno dell’associazione ‘Terra! Onlus’ che da oltre dieci anni si batte su tematiche sociali legate alla filiera agroalimentare: la lotta contro lo sfruttamento dei braccianti, il superamento dei ghetti e il rispetto dell’ambiente.

Le persone dell’orchestra, anche se di diverse nazionalità e culture, sono legate dal messaggio universale dalla musica, ma anche dal lavoro che per molti di loro è agricolo. Sono uniti direttamente dalla “terra”.

 







Commenta