Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Sì alla Notte della Taranta 2020 in edizione ridimensionata

Sì alla Notte della Taranta 2020 in edizione ridimensionata

L’emergenza Covid-19 non ferma la Notte della Taranta. L’edizione 2020 della kermesse identitaria del Salento è salva e sarà protagonista della prossima estate dal vivo e in tv. Tra festival itinerante, concerto finale e riprese televisive, l’obiettivo è quello di connettere il pubblico alle emozioni della musica e della tradizione. L’annuncio ufficiale che ha mandato in visibilio gli innamorati della NdT è arrivato sulle pagina ufficiale Facebook del festival.

La musica, la danza popolare saranno protagoniste anche a Melpignano tra il 20 e il 22 agosto prossimi. Non il solito Concertone per il quale il piccolo centro della Grecìa Salentina viene da anni preso d’assalto, nessun allestimento mirabolante o mega palcoscenico. Tre serate, le prime due di prove, e l’ultima con lo spettacolo finale dedicata alle note e al racconto delle tradizioni e della storia della Notte della Taranta sulle quali saranno puntate le telecamere di Rai2 che manderà in onda le immagini il 28 agosto.

Grande attesa per la performance e le note del maestro concertatore dell’edizione 2020, Paolo Buonvino, compositore siciliano e autore di celebri colonne sonore. «La musica guarisce e va oltre i confini. Sarà un concerto ricco di suggestioni – le parole del maestro Buonvino - dinamiche musicali e visive. Un lungo trailer sulla meraviglia: la Taranta come cuore pulsante che guarisce, unisce, accoglie, ama e viene amata. La musica e le immagini saranno metafora di questo concetto. Tutto si fonderà in un’unica danza di gioia senza confini, oltre gli steccati, oltre i muri, veri o presunti. Musica per danzare in un unico battito, il contagio irrefrenabile della gioia».

Il Festival 2020 comincerà con le serate itineranti: dal 1° al 19 agosto l’appuntamento è nelle piazze storiche che da anni ospitano la manifestazione. Musica, danza, approfondimenti, incontri, installazioni artistiche, mercatini accenderanno le serate d’estate, nel pieno rispetto delle regole previste dal Dpcm: 1000 spettatori distanziati tra loro ad assistere alle esibizioni musicali, con l’idea di coinvolgere più scorci delle cittadine nelle quali farà tappa il Festival e rendere possibile così la partecipazione di quanta più gente possibile, sempre nel pieno rispetto della normativa. La novità di quest’anno è che nel cartellone delle tappe è prevista una data anche per il 15 agosto, negli anni scorsi riservata in maniera esclusiva alla Notte di San Rocco a Torrepaduli. Una tradizione radicata nei secoli quella della frazione di Ruffano, popoloso centro del Sud Salento e che quest’anno non è al momento programmata a causa delle restrizioni dovute al Coronavirus.
«Abbiamo deciso di fare Festival e Concertone – dicono gli organizzatori - perché non ci siamo mai fermati programmando l’evento Dior e i nostri appuntamenti estivi. Lo abbiamo fatto scegliendo il linguaggio della cultura e dell’arte. Abbiamo scelto il lavoro per musicisti, danzatori, tecnici, maestranze».







Commenta