Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

UFS – Unione Folclorica Sarda Festival @ Bosa, Quartucciu e Ghilarza (OR)

Artista:
Sito ufficiale:
Data e orario:
Data: da 18/12/2022
Location:
Città:
Bosa, Quartucciu e Ghilarza (OR)
[social_share_button]

[like]

Sardegna

Info

UFS - Unione Folclorica Sarda Festival @ Bosa, Quartucciu e Ghilarza (OR)

Sarà una manifestazione all’insegna della tradizione sarda il Festival itinerante – ideato e voluto dall’Unione Folclorica Sarda (UFS) – che si terrà nei prossimi giorni in tre centri dell’isola: BosaQuartucciu e Ghilarza.

Nata come costola dell’UFI (Unione Folclorica Italiana) – che vede al vertice, nel ruolo di presidente, il sardo Beniamino Meloni – l’UFS si prefigge lo scopo di veicolare in Sardegna le finalità dell’Unione nazionale, con cui condivide intenti e filosofia di pensiero e di azione.

Cinque giornate nate proprio con l’intento di fare conoscere e tramandare le tradizioni isolane, organizzate dall’UFS con il patrocinio della regione Sardegna e la collaborazione della Pro Loco di Ghilarza, dei comuni di Bosa, Quartucciu e Ghilarza e di Sardegna Turismo.

Non solo ballo, dunque, per questa prima edizione dell’UFS Festival ma anche musica corale, maschere e canto a tenore, a rappresentare le diverse sfaccettature della cultura folclorica sarda.

Si inizia giovedì 8 dicembre, alle 10:45, con I colori del NataleBosa, dove la sfilata dei gruppi folk animerà le vie del centro con i colori sgargianti degli abiti tradizionali. Dopo la sfilata, si terranno le esibizioni dei diversi gruppi folk partecipanti e a seguire, nel pomeriggio, Ottavio Nieddu presenterà la Prima Rassegna di canti corali, con cori provenienti da diversi centri dell’isola. A chiudere l’appuntamento bosano sarà lo spettacolo di canti e balli con Emanuele Bazzoni e Roberto Fadda.

Per il secondo appuntamento – in programma il 10 e l’11 dicembre – l’UFS Festival si sposta a Quartucciu. Sarà la suggestiva cornice della necropoli punico-romana Pill ‘e Matta a ospitare il primo evento della due giorni, una mostra di abiti tradizionali sardi che sarà inaugurata sabato alle 16:00. Contemporaneamente si svolgerà la Prima Rassegna folk, presentata da Ottavio Nieddu, con l’esibizione di diversi gruppi isolani e, a seguire, lo spettacolo con canti e balli a cura dell’associazione Su Sonette.

La mostra di abiti tradizionali aprirà anche la seconda giornata e sarà visitabile fino alle 19:00 di domenica mentre, dalle 17:30, la manifestazione sarà animata dalla Prima Rassegna di poesia di improvvisazione – curata dall’associazione Boxis Campidanesas – durante la quale risuoneranno le voci dei poeti che chiuderanno questo secondo appuntamento nel centro del cagliaritano.

La terza e ultima tappa dell’UFS Festival si terrà a Ghilarza, nel fine settimana del 17 e 18 dicembre. Nel centro dell’oristanese saranno due le rassegne che apriranno la prima giornata dell’evento: una di canto a chitarra, con le voci di Emanuele Bazzoni e Leonardo Spina, e l’altra di canto a tenore, con la partecipazione di diversi cantori isolani.

Domenica 18, invece, il Festival si inserirà all’interno della XII edizione della manifestazione Arte e Sapori che vedrà l’allestimento di stand con prodotti agroalimentari e artigianali del territorio. Anche qui la mattinata sarà animata dalla sfilata dei gruppi folk a cui prenderanno parte l’associazione culturale Cuncordia a launeddas e il coro Baratz di Villassunta.

Evento di chiusura della due giorni di Ghilarza, e dell’interno Festival, sarà la Rassegna folk presentata da Giacomo Serreli a cui si uniranno le voci del gruppo etnico A passu ‘e ballu e i cantori del gruppo Tenore Murales di Orgosolo.

Si tratta di un evento totalmente dedicato a canti, danze e cultura tradizionale sarda, dunque, nato, nell’idea degli organizzatori, non solo con lo scopo di fare conoscere e diffondere la cultura sarda ma anche con quello di tornare a incontrarsi e a socializzare, dopo gli anni della pandemia che – oltre ad allontanare inevitabilmente le persone – ha costituito un momento di fermo forzato per le associazioni, i gruppi folk e i cori, molti dei quali, purtroppo, non si sono più ripresi.