Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Il Tarantismo – Un rito che cura @ Candela (FG)

Artista:
Sito ufficiale:
https://www.facebook.com/events/749824835506354/
Data e orario:
Data: da 12/01/2020 | 17:00
Location:
Oratorio San Clemente
Città:
Candela (FG)

Puglia

Info

Il Tarantismo - Un rito che cura @ Candela (FG)

Domenica 12 Gennaio si aprono i seminari di rione popolare lab del 2020 con Massimiliano Morabito che curerà un incontro formativo sul Tarantismo.

Location: Oratorio San Clemente (canonica) viale Regina Margherita - Candela(Fg)
Start: 17.00 - 20.00
a seguire Festa a ballo con porta-teco
Per info e prenotazioni via WhatsApp: Rocco Gesualdi 3898389013

IL TARANTISMO - UN RITO CHE CURA
La musicoterapia, la danzaterapia, la cromoterapia e l’aromaterapia, considerati oggi modernissimi rimedi contro i nostri mali hanno in realtà radici molto antiche e proprio qui in Puglia possono essere ritrovate nel fenomeno del tarantismo dove musica, colori e profumi, all’interno di una comunità accogliente e partecipe, aiutavano il disagiato a liberarsi dai propri malesseri interiori. Se è vero che oggi il fenomeno del tarantismo e il simbolico ragno sono scomparsi, è anche vero che tali malesseri sono ancora presenti nella società moderna, seppure sotto forme diverse. Per questo sono profondamente convinto che è ancora attuale il forte valore curativo della musica e della danza ma soprattutto della comunità che ci sorregge e non ci fa sentire soli, perché “ci balli sulu nu te puei curare”.
In questo piccolo viaggio nel tarantismo Pugliese si analizzeranno alcune delle principali interpretazioni sul fenomeno: da Kircher a Serao, da De Martino a Rouget e Lapassade e si visioneranno video rari e inediti, alcuni frutto della mia personale ricerca sul campo. Sarà straordinario riflettere su come testimonianze scritte nei secoli passati siano ancora presenti negli “archivi viventi” che ho direttamente intervistato e come l’oralità popolare possa ancora oggi svelare antichi saperi.



Commenta