Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Pisa Folk Festival

Artista:
Sito ufficiale:
Data e orario:
Data: da 08/07/2022
Location:
Città:
Pisa
[social_share_button]

[like]

Toscana

Info

Pisa Folk Festival

Dal 2 all’8 luglio 2022 il Pisa Folk Festival torna ad animare la città di Pisa per la ventesima edizione con tre concerti nella splendida location del Giardino Scotto, due workshop e altri appuntamenti tra La Nunziatina, Arno Vivo, Jazz Road Lab e Mix Art.
Una grande festa, quella del 2022, per celebrare i 20 anni del Pisa Folk Festival, nato nel contesto universitario e ormai divenuto un appuntamento fisso per l’intera città, che continua a promuovere con tenacia la cultura dell’integrazione e dell’incontro tra tradizioni e generazioni differenti.
Il programma 2022 prevede oltre 8 eventi tra musica, danza, teatro e incontri culturali sui temi delle tradizioni popolari di differenti regioni italiani.
Il 3 luglio alle 21:30 primo main event del festival: il Canzoniere Grecanico Salentino, torna per la terza volta al Pisa Folk Festival, dopo aver calcato i palchi più importanti d’Europa e del mondo. Il CGS, riconosciuto come Miglior Gruppo di world music al mondo ai Songlines Music Awards 2018, è il primo e il più importante gruppo di musica popolare salentina, reinterpreta in chiave moderna le tradizioni che ruotano attorno alla celebre pizzica tarantata rituale. Meridiana è l’ultimo lavoro discografico del gruppo, che sarà presentato a Pisa, assieme ai grandi classici del Canzoniere.
Il 6 luglio, sempre alle 21:30 al Giardino Scotto, l’appuntamento è con Unavantaluna - Cumpagnia di Musica Siciliana: un ensemble di musicisti con origini siciliane alla ricerca di un possibile equilibrio fra tradizione ed innovazione musicale. Anche gli Unavantaluna tornano al Pisa Folk Festival dopo lo storico concerto del 2013 in Piazza Garibaldi. Il gruppo siciliano presenterà in anteprima alcuni pezzi del nuovo album, in uscita nel 2023, oltre allo storico repertorio che contraddistingue la band.
Sarà invece Enzo Avitabile a chiudere il festival venerdì 8 luglio: Acoustic World arriva a Pisa grazie alla collaborazione tra il Pisa Folk Festival e il Pisa Jazz Rebirth, altro importante festival cittadino dedicato alla musica Jazz. L’evento speciale nasce proprio dalla voglia di festeggiare insieme la musica, l’incontro tra il jazz e la tradizione popolare e omaggiare la world music, con uno degli interpreti italiani più significativi del genere.
Sabato 2 luglio inaugura il PFF22 il workshop intensivo di pizzica pizzica con Franca Tarantino, dalle 16 alle 19 al Jazz Road Lab di via Bovio.
Il secondo appuntamento con i corsi per amatori, neofiti ed esperti è per martedì 5 luglio: il canto a tenore sardo, con Sebastiano Pilosu e i Tenores di Bitti, si terrà al Mix-Art ma dalle 17 alle 19. L’omaggio alla Sardegna continua la sera del 5 Luglio presso La Nunziatina con un concerto dei celebri Tenores di Bitti Remunnu 'e Locu e del talentuoso organettista Pierpaolo Vacca, accompagnati dagli interventi del Prof. Marco Lutzu (Università degli Studi di Cagliari) e la proiezione del docufilm A Bolu (distribuito dalla piattaforma internazionale Netflix) con Sebastiano Pilosu, co-autore del docufilm.

Il 7 luglio sempre a La Nunziatina invece un omaggio alla Toscana, con un’interessante serata di teatro diretta dalla compagnia teatrale Gli Omini con lo spettacolo Testa a festa, vedrà uno scontro-incontro generazionale tra storici cantori toscani e giovani rapper, sarà il pubblico a decretare il vincitore di questa sfida intergenerazionale.
All’interno del programma anche un momento di approfondimento per ripercorrere le tappe più importanti del movimento del Folk revival in Italia, con un focus specifico su Pisa, guardando ai 20 anni del Festival,
All’incontro previsto domenica 3 Luglio alle ore 19.00 presso Arno Vivo parteciperanno ospiti di caratura nazionale: Vincenzo Santoro (Responsabile Dip. Cultura e Turismo Anci), Domenico Ferraro (Squilibri Editore), Antonio Fanelli (Università di Roma La Sapienza e IED) e il giornalista e saggista Salvatore Esposito (Direttore editoriale Blog Foolk).