Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Notice: Undefined variable: errore in /opt/web/mpi/wp-content/themes/flatmagazine/partials/single/single-eventi.php on line 2

Notice: Undefined index: success in /opt/web/mpi/wp-content/themes/flatmagazine/partials/single/single-eventi.php on line 7

La Festa, l’Ebbrezza, La Musica e la Danza nelle tradizioni popolari @ Pesaro

Artista:
Sito ufficiale:
Data e orario:
Data: da 08/12/2021 | 17:00
Location:
Limonaie di Muraglia
Città:
Pesaro
[social_share_button]

[like]

Marche

Info

La Festa, l’Ebbrezza, La Musica e la Danza nelle tradizioni popolari @ Pesaro

Nata all’interno del Teatro Comunale di Bologna, è uno dei pochi esempi nel panorama europeo di orchestra d’archi esclusivamente dedita al repertorio contemporaneo. L’Ensemble Zipangu sarà alle Limonaie di Muraglia a Pesaro mercoledì 8 dicembre (inizio ore 17.00) con un concerto dal titolo “La Festa, l’Ebbrezza, La Musica e la Danza nelle tradizioni popolari”, evento realizzato nell’ambito del progetto “B.Art – Business & Art per la fertilizzazione d’impresa nelle Marche” coordinato dal Consorzio Marche Spettacolo (CMS) e cofinanziato dal Fondo Sociale Europeo – FESR 2014/2020.

B.Art mette in campo azioni di Art&Business volte a stimolare i processi organizzativi interni e a migliorare la competitività delle imprese tramite la contaminazione con lo spettacolo dal vivo. In questo caso la sinergia è tra musica e vino: l’occasione è la presentazione dei vini Ghilbrand e Aletheia dell’Azienda agricola De Leyva di Pesaro. L’intervento artistico è stato curato da WunderKammer Orchestra (WKO) e Appassionata.

In programma musiche di Béla Bartók, Katia Makdissi-Warren, Huang Huiran e Paolo Marzocchi con due prime esecuzioni, le “7 Folksongs“ per strumenti ad arco, rielaborazioni tratte dalla raccolta per pianoforte “For children” di Béla Bartók, e “Crveno vino”, rielaborazione di un canto popolare macedone di Marzocchi, di cui verranno eseguiti anche “Albanian Folksong” e “Encore”. Gli strumenti e la musica popolare dal mondo sono i protagonisti dei brani che completano il programma: “Razzia” for strings, daf and darbouka di Makdissi-Warren e “Dance of the Yi people” per gu-zheng e strumenti ad arco di Huiran.

L’Ensemble Zipangu – che trae il suo nome dall’omonimo pezzo di Claude Vivier che a sua volta si rifaceva alla descrizione del Giappone (Gipangu) data da Marco Polo – è composto da Fabio Sperandio e Silvia Mandolini violini, Corrado Carnevali viola, Mattia Cipolli violoncello, Fabio Quaranta contrabbasso, Fu Wanying gu-zehng, Lorenzo Amoroso daf, Radiana Redaelli darbouka.