Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

“Quantu è laria la mè zita”: il significato della canzone siciliana

"Quantu è laria la mè zita": il significato della canzone siciliana

 

 

La musica tradizionale della Sicilia offre canzoni di ogni tipo. Nel corso dei secoli, gli autori hanno saputo cogliere lo spirito della nostra terra, sotto ogni punto di vista. I canti più intensi e viscerali hanno sempre convissuto con quelli leggeri e scanzonati. Le canzoni siciliane esprimono tanto la sofferenza, quanto la leggerezza che solo le note e i versi più divertenti possono dare. Il brano Quantu è laria la mè zita appartiene sicuramente all’elenco di quelli che riescono sempre a strappare una risata. Nonostante il titolo e il testo, non va considerata in alcun modo un’offesa alle donne o una presa di posizione contro una donna considerata brutta. La donna che viene descritta avrà anche qualche difetto, ma ciò non le impedisce di fare sorridere e portare allegria.

Certo, la conclusione non lascia molti dubbi: dato che è ricca o porta una buona dote, va bene anche se chi canta non la ritiene molto bella. Diciamo che il mondo è sempre andato allo stesso modo, da questo punto di vista, vero? Ciò non toglie che il brano sia amato, indistintamente, da uomini e donne, che si divertono a cantarlo. Questa tipica canzone siciliana è talmente apprezzata e versatile che, a seconda dei diversi paesi, vengono aggiunte strofe sempre più divertenti. Avete mai sentito, ad esempio, il verso: “O cuncursu ri cucina a scanciaru pì mappìna” (Al concorso di cucina l’hanno scambiata per uno strofinaccio”)?







Commenta