Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

L’Italiano: il brano riarrangiato con ritmi e strumenti della musica etnica calabrese

L'Italiano: il brano riarrangiato con ritmi e strumenti della musica etnica calabrese

 

 

Gli artisti vengono incontro ai cittadini per riuscire ad alleggerire i pensieri e dare speranza alla popolazione in questi momenti.

Prendendo spunto dalla genuina e sana “italianità” è nata ad opera di Fortunato Serranò, presidente della associazione culturale musicale  “New PFL Recording Studio” di Reggio Calabria, l'iniziativa di realizzare "una cover di una canzone molto famosa, quasi iconica per l'Italia tutta, ma che fosse caratterizzata dalle sonorità tipiche della nostra terra, come a voler rappresentare un abbraccio di solidarietà che la Calabria porge a l'Italia intera, in questo momento martoriata da questo terribile nemico invisibile.

Non è stato difficile individuare nel brano “L' Italiano” di Toto Cutugno, l'inno alla nostra “italianità”, che oltretutto ben si prestava ad essere ri-arrangiato con dei ritmi e degli strumenti che caratterizzano la musica etnica calabrese.

Tutti gli artisti hanno accettato subito con grande entusiasmo, ed hanno messo a disposizione oltre che la loro performance, anche i mezzi tecnici di registrazione casalinga per poter ottenere un lavoro il più professionale possibile.

Gli artisti che hanno partecipato sono: Mimmo Cavallaro voce arcinota nel panorama etnico calabrese, Nino Stellittano e Marco Morabito voce e batteria dei KALAVRIAAlvin tripodi e Andrea Principato voce e chitarra dei BEHIKE MOROPaolo Sofia e Massimo Cusato voce e percussioni dei QUARTAUMENTATAAlfredo Verdini Giovanna Scarfò attualmente percussioni e voce del progetto di Cosimo Papandrea, che partecipa nel brano come voce maschile, Giuseppe Scopelliti e Teo Megale voce e fisarmonica dei VERSUDAngelo Pisani polistrumentista dei PARAFONE', Sebastiano Palumbo organetto e strumenti etnici degli AKUSMA eMarinella Rodà anche lei voce che non ha bisogno di presentazioni nell'ambito della musica popolare, figlia d'arte ed attualmente impegnata in vari progetti musico-teatrali."







Commenta