Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Notice: Undefined variable: errore in /opt/web/mpi/wp-content/themes/flatmagazine/partials/single/single-annunci.php on line 1

Notice: Undefined index: success in /opt/web/mpi/wp-content/themes/flatmagazine/partials/single/single-annunci.php on line 6

E' online il n.532 di Blogfoolk

Link:
https://www.blogfoolk.com/2021/12/numero-532-del-29-dicembre-2021.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editoriale
E-mail:
blogfoolkATgmailDOTcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Caserta
Indirizzo sede secondaria:
Roma
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare


[social_share_button]

L’ultimo numero del 2021 si apre con la cover story, “Changüí. The Sound of Guantánamo”, prezioso box (3 CD + un libro di 120 pagine) contenente registrazioni sul campo condotte nell’Oriente di Cuba da Gianluca Tramontana, giornalista e broadcaster di residenza newyorkese, con cui abbiamo parlato della sua avventura umana e musicale nel documentare questa musica per guajiros. Passiamo poi a “We’re OK. But We’re Lost Anyway”, una delle più sorprendenti produzioni discografiche di quest’anno, realizzata dall’Orchestre Tout Puissant Marcel Duchamp. Da non mancare il “Concerto di Natale” dei Tre Martelli, la storica formazione di folk revival piemontese. Rimanendo in tema di dischi dal vivo, eccovi “Live 22th Anniversary” dei calabresi QuartAumentata. La lettura proposta è “Le Spose di San Paolo. Immagini del tarantismo” curato da Maurizio Agamennone e Luigi Chiriatti. Per la musica live, offriamo i report dei concerti di Kirpal Singh Palesar e Gurdit Singh Panesar, tenutosi alla Fondazione Cini di Venezia, e dei Suonno d’Ajere, di scena al Piccolo Bellini di Napoli. Torniamo alle recensioni discografiche con il superbo “Edizione Speciale” di Enrico Rava, registrato in sestetto con Gabriele Evangelista, Enrico Morello, Francesco Diodati, Francesco Bearzatti e Giovanni Guidi. Per la rubrica Vision & Music, Paolo Mercurio presenta “Antonio Mazzi, nel mondo ogni cosa a suo modo canta, con il dialogo del sorriso”. Chiude il numero lo scatto di Valerio Corzani che ritrae Alessandro D’Alessandro e il suo organetto preparato. Il nostro cordoglio per la perdita di Gian Luigi Bravo, Ordinario di Antropologia Culturale all’Università di Torino, che se n’è andato in seguito a un intervento chirurgico all’età di 86 anni. Eminente figura di studioso sia sul piano degli studi teorici che del lavoro sul campo. Di gran rilevanza i suoi lavori sulla festa, le tradizioni popolari, la memoria collettiva, la cultura contadina e operaia, i beni culturali immateriali, l’antropologia museale. Lo si ricorda non solo come accademico ma anche come appassionato di jazz, da pianista ha suonato con Paolo Conte in una delle prime band nate nell’astigiano. Qui, ricordiamo il fisarmonicista Attilio Rocca, detto “Tilion”, musicista dell’Alta Val Trebbia, che se n’è andato all’età di 87 anni. È stato uno dei grandi protagonisti e custodi della tradizione musicale delle Quattro Province, da sempre in coppia con Ettore Losini detto “Bani”, celebre pifferaio e liutaio di Bobbio. È doloroso dover dire addio anche al maestro vietnamita Trần Quang Hải, straordinario musicista, compositore e ricercatore nell’ambito dell’etnomusicologia (era figlio di Văn Khê Trân) pioniere degli studi sul canto armonico e sullo scacciapensieri. La redazione esprime le sue condoglianze alla moglie Bạch Yến Quách e alla famiglia.