Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

E' online il n.455 di Blogfoolk

Link:
https://www.blogfoolk.com/2020/05/numero-455-del-17-maggio-2020.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editoriale
E-mail:
blogfoolkATgmailDOTcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Caserta
Indirizzo sede secondaria:
Roma
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare

In apertura, i lettori di #FoolkMagazine trovano l’intervista a Matilde Politi, la cantante e autrice, che scava in una Sicilia musicale poco conosciuta attraversando i sentieri della tradizione orale isolana e, mostrandosi, nel contempo, attenta alle urgenze dell’attualità sociale della sua terra. La cantante palermitana parla dei suoi progetti musicali e, naturalmente, di “Viva Santa Liberata”, il nuovo album dal titolo simbolicamente ossimorico, centrato sulla prospettiva delle donne di Sicilia. Ci fermiamo, quindi, a Napoli per “Transleit”, secondo disco del duo Ebbanesis, un lavoro che incrocia tradizione e tradimento, traduzioni e reinvenzione con un piglio originale, pieno di brio ed eleganza. Lo sguardo sui suoni del mondo parte da “Zithers”, magnetica collezione di melodie in solo proposta da Andrew Cronshaw, veterano del folk progressivo britannico ed eclettico polistrumentista. Ci spostiamo in Bosnia per “Singer Of Tales”, consigliatissimo disco della stella della nuova sevdah, Damir Imamović, per poi passare a un’altra opera di pregio che è “Rastilho” del chitarrista paulista Kiko Dinucci. Tocca, poi, a “None Of My Words”, debutto della cantante dark-folk-pop norvegese Louien e al nu folk degli italiani Flame Parade, i quali tornano con “Cosmic Gathering”. Per la canzone d’autore militante ci occupiamo di “Vento Nero” del cantautore toscano Davide Giromini. Segue la recensione di “Leonard Bernstein Tribute” del Gabriele Coen Quintet. Infine, Valerio Corzani inquadra Ferruccio Spinetti, sul palco del Premio Bianca d’Aponte del quale ha ereditato la direzione artistica dall’indimenticato Fausto Mesolella.