Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

E' online il n.454 di Blogfoolk

Link:
https://www.blogfoolk.com/2020/05/numero-454-dell8-maggio-2020.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editoriale
E-mail:
blogfoolkATgmailDOTcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Roma
Indirizzo sede secondaria:
Caserta
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare

In questi due mesi di lockdown per Covid-19, tra paura e dolore per il diffondersi della pandemia, abbiamo proseguito nel raccontare i suoni del mondo e i suoi protagonisti, alcuni di quali purtroppo mancati in questi tempi. L’aver continuato a immergerci nella musica, ascoltando dischi e seguendo eventi streaming ci ha sostenuto di fronte all’enorme dramma umano che stiamo vivendo. Lo abbiamo fatto nella consapevolezza delle difficoltà che vive l’industria musicale italiana ed estera con l’annullamento di concerti, tour e festival, nonché la chiusura dei locali, nella certezza di non privare artisti e professional di un sostegno importate, facendo conoscere e apprezzare la musica. Come agitatori culturali, continueremo a essere coinvolti, cercando di favorire il dibattito e il confronto tra le diverse esperienze, provando, nel contempo, a immaginare qualche intervento operativo dal basso da porre in essere. Restate sintonizzati e connessi. Passando al menu del n.454, in copertina trovate il disco del mese “Donna, voce e fronna…”, un progetto dell’etnomusicologo Piero G. Arcangeli, in cui Lucilla Galeazzi e i cameristi dell’Umbria Ensemble rivisitano venti brani del repertorio di musiche di tradizione orale umbra. L’album è l’esito di un laboratorio “impossibile”, un lavoro nato dalla sperimentazione che approfondisce il ruolo della donna nel canto e nel contesto socio-culturale contadino. Ne abbiamo parlato con Piero G. Arcangeli nel corso dell’intervista raccolta da Daniele Cestellini. Ci spostiamo in Puglia per parlare di “Approdi”, disco antologico che, tra brani live e inediti, celebra i venticinque anni dei Terrae. Nello spazio dedicato alla world music ricordiamo il poeta e cantore kabiyle Idir, scomparso nei giorni scorsi, con una retrospettiva artistica e un prezioso contributo di Enrico de Angelis sulla partecipazione del “berbero senza frontiere” al Premio Tenco. Non potevamo dimenticare il genio del batterista nigeriano Tony Allen, anche lui venuto a mancare, del quale presentiamo l’album “Rejoice”, inciso in coppia con il compianto Hugh Masekela. Proseguiamo con le recensioni di “Funeral Songs” dei Fra Fra, recente impresa di field recording urbano nel Ghana realizzata dall’acclamato produttore Ian Brennan e il viaggio nella musica migrante gnawa nella capitale belga di “Jola. Hidden Gnawa Music in Brussels”. Ci sono poi le confluenze sonore tra musica da camera contemporanea e repertori appalachiani di The Idumea Quartet con “More Than One”. Sul versante della canzone d’autore proponiamo “Io Credevo. Le Canzoni di Gianni Siviero”, mentre per la rubrica Contemporanea recensiamo “Piano Verticale” di Antonio Fresa. Completa il numero lo scatto di Valerio Corzani che ritrae Fausta Vetere, voce e anima della Nuova Compagnia di Canto Popolare sul palco di Officina Pasolini a Roma.