Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Ne vasta chistu e ‘cchiù nente



Cumu lu vini ca scinna verace C’è na iumara ca duna lla pace Sonu continu ca dura de tempu Chisse su acque ca dannu sostegnu Da questa terra come da altre Sono nate le nostre radici Che risalgono a un tempo lontano Dettato di generazioni Tempo Sudato Vissuto Inventato Sporcato Affamato Curato Giocato Emigrato Stimato Dai nonni raccontato RIT. Ischia romana Tavularia De li rumani era la via U Savuto é nu riu Ma u veneravanu cumu nu Diu C’é n’armonia ca risviglia lla gente Storia remota passata e presente Ne vasta chistu e ‘cchiu niente C’è chi distrusse duchi e baroni Fu questo l’esito delle invasioni Rasero al suolo Cosenza e Casali Nacquero i nostri paesi natali Da questo evento fuoco invasivo L’espansione fu il loro motivo Nostro timore di esser raggiunti Cercando un nuovo domani Spazio cercato e sconosciuto Spazio trovato e costruito Spazio amato e coltivato Dai nonni immaginato RIT. Ischia romana tavularia De li Romani era la via U savuto é nu Rio Ma u veneravanu cumu nu Diu C’é n’armonia ca risveglia lla gente Storia remota passata e presente Ne vasta chistu e ‘cchiu nente RIT. Testo e musica: Avissivoglia Andrea Garofalo: chitarre, voce Angelica Perri: Chitarra classica, chitarra battente, voce Simone Cello: Fisarmonica Antonio Garofalo: Fisarmonica Angelica Cello: Flauto traverso Mattia Fuoco: Percussioni (tamburello, chimes) Daniel Mancuso: Percussioni (Bonghi)


Commenta