Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Natale e le poesie dialettali dell’Italia nord-occidentale

Natale e le poesie dialettali dell'Italia nord-occidentale

E'Natale!!! Tra le tante tradizioni regionali tipiche di questo periodo ci sono certamente le poesie in dialetto, segno di una tradizione orale che nei momenti di festa si fa più viva che mai.

Il viaggio attraverso i componimenti poetici natalizi della nostra penisola inizia dall' Italia nord-occidentale:

Valle D'Aosta

Ah, retournar!… Ah, ritornar Lou ransignol chanto pus sa chancoun/ din le sere d’istà,/ coumo din les misoun/ pus se senten i chant di minà./ Lou silenci es din ma coumbo/ sus les lièri l’erbo es loungo,/ de lou béu temp passà/ soulèt en recort es istà./ Ah! retournar ai temp di nosti paire,/ quouro èren tuchi urcus,/ bèn que de sòut n’avìhen gaire./ Euro ren que de croubas chànten per nous/ e, coumo na tristo chancoun,/ seméo que dìsen: «Vitoun,/ nousiauti venarèn après de vous!»/

Traduzione L’usignolo non canta più la sua canzone/ nelle sere d’estate,/ cosi come nelle case/ più nen si odono i canti dei bambini./ Il silenzio è nella mia vallata,/ sulle aie l’erba è lunga,/ del bel tempo andato/ è rimasto solo un ricordo…/ Ah, ritornare al tempo dei nostri padri,/ quando tutti erano felici,/ benché avessero pochi soldi./ Ora non cantano che i corvi per noi è/ e, come una triste canzone,/ sembrano dire: «Montanari,/ noi prenderemo il vostro posto»

 

Piemonte

Parchè propi pàr Nadàl L’éva al di’t Nadàl, cönd ti m’è piantà./ Che giurnaa. Fin in fùnd al cor ti m’è sgilà./ Tücc évan alégar, cùntént, al caud , in cùmpàgnia,/ e mi disprà, sönza al tö càlòr, da par mi, cùmè na spia./ I mögn düi tòich at già-sc in divantai. Önca al naas e i’urögi,/ sautàvan via, dùmà vardài, tönt chi évan frögi./ Pàrluma mia di péi, sgilè cùmè’n bùrdón./ Ti m’è pròpi ruvinà la giurnaa, ti mè fàcc staa da cön./ Ma cù-s tè mai gnü in mént, parchè pròpi par Nadàl,/ ti pùdevi mia faam càpi, ti pùdevi daam un signàl./ T’il sé bögn inca ti, bastard d’un brüsàdór,/ che trùva n’idràulic al di’ t Nadàl, l’è cùmè trùvà ’n tisòòr.

Traduzione Era il giorno di Natale, quando mi hai lasciato./ Che giornata. fino in fondo al cuore mi hai gelato./ Tutti erano allegri, contenti, al caldo, in compagnia,/ e io disperato, senza il tuo calore solo come una spia./ le mani due pezzi di ghiaccio sono diventate./ Anche il naso e le orecchie si staccavano solo a guardarle, tanto erano fredde./ Non parliamo dei piedi, gelati come una rapa./ Mi hai proprio rovinato la giornata, mi hai fatto sentire come un cane./ Ma cosa ti è venuto in mente, perchè proprio a Natale, potevi darrmi un avvertimento./ Lo sai bene anche tu, bastardo di un bruciatore,/ che trovare un’idraulico il giorno di Natale, è come trovare un tesoro./

Lombardia

Voglia di natale Col cœur an’mò ingarbiaa in de la cassina/ el se bestira i òss l’ultim paisan,/ e la candela pizza in la bosia/ la mett in ciar i barlafus d’on temp:/ la bròcca in del tripee portacadin,/ l’acquasantin e la Maria Bambina/ fassada in de la cuna d’on veder a campana./ E l’œucc el corr sui trav e sul camin/ con dent an’mò freguj de scendra antiga./ La vœuja de Natal l’è lì con lù/ sul materass de fœuja de melgon./ La vœuja d’on Natal come ona vòlta,/ con tanti vos che riven de lontan,/ come in d’on sògn…/ Vos de tosann che canten sul sentee…/ …là in fond… tra i fontanitt.. vesin al Lamber…/ “Tu scendi dalle stelle…”/ Su donca! Riva gent!/ Gh’è chi el Natal, Natal come ona vòlta…/ Mett el pariœu sul fœugh…/ canella, acqua e saa, farina gialda…/ e…alé…òli de gombed./ Se sgrana trii rosari/ e se la cuntom-sù dent in la stalla./ Gh’è chì l’Armida, quella di ricamm,/ el Gino cavallant cont el clarin…/ i fiœu ch’hinn mai cressuu, el bergamin./ Tra el pòrtich e la stalla… quanta gent…/ ghe vœur an’mò on quej scagn, ona banchetta/ e on para de fiaschett… per la polenta./ Se smòrza la candela sul ciffon,/ el gatt el s’è fognaa in d’on quej canton/ e intant l’ultim paisan/ el nega in d’on bell sògn…/ e par ch’el rida.

Traduzione Con il cuore ancora aggrovigliato nella cascina/ si stiracchia le ossa l’ultimo contadino./ E la candela accesa nella bugia/ mette in luce le cianfrusaglie di un tempo:/ la brocca nel treppiedi porta catino,/ l’acquasantino e la Maria Bambina/ fasciata nella culla/ di una campana di vetro./ E l’occhio corre sulle travi e sul camino/ con dentro ancora briciole di antica cenere./ La voglia di un Natale è lì con lui/ sul materasso di foglie di granoturco./ La voglia di un Natale come un tempo,/ con tante voci che arrivano da lontano,/ come in sogno…/ Voci di ragazze che cantano sul sentiero…/ …là in fondo… tra i fontanili… vicino al Lambro…/ “Tu scendi dalle stelle…”/ Su, dunque! Arriva gente…/ C’è qui Natale, il Natale di un tempo…/ Metti il paiolo sul fuoco…/ cannella, acqua e sale, farina gialla…/ e… alé… olio di gomito./ Si sgranano tre rosari/ e ce la raccontiamo dentro la stalla./ C’è l’Armida, quella dei ricami…/ il Gino cavallante con il clarino…/ i figli mai cresciuti, il bergamino./ Tra il portico e la stalla… quanta gente…/ occorrono altre sedie, una panca/ e un paio di fiaschetti per la polenta./ Si spegne la candela sul comodino,/ il gatto si è ficcato in qualche angolo/ e intanto l’ultimo contadino/ annega in un bel sogno/ e sembra ridere.

 

Liguria

Natale Figgeu,/o l’è Natale!/In ta neutte stellâ/e silensiösa,/andemmo a cantâ,/sotto voxe/na piva amösa;/a-e porte de case,/pe dâghe l’avviso/picchemmo discreti,/pe dinâ da noxe/ne basta ‘n sorriso;/corrìmmo a baxâ/int’ûn cavagnin/i pê do Bambin;/scangemmose i panni/frûstæ e astrofoggiæ/da-a grixa pasiensa/de questo trantràn/ûsuale,/de gianca innocensa/vestimmose l’anima/a festa:/figgieu,/l’è Natale!

Traduzione Ragazzi, è Natale!/Nella notte stellata/e silenziosa,/andiamo a cantare,/sotto voce,/una piva affettuosa;/alle porte delle case,/per darne l’annuncio/bussiamo discreti,/per strenna/ci basta un sorriso;/corriamo a baciare/in un cestino/i piedi del Bambino;/cambiamoci gli abiti/consumati e spiegazzati/dalla grigia/sopportazione/di questa routine/usuale,/di bianca innocenza/vestiamoci l’anima /a festa:/ragazzi, è Natale!