Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Concerti Notturni per il Dopofestival di Palazzo Reale a Napoli

Concerti Notturni per il Dopofestival di Palazzo Reale a Napoli

Il ritmo entra a Palazzo Reale. Ogni notte, dalle 23 per il segmento "Dopofestival" del Napoli Teatro Festival Italia, la Reggia di piazza Plebiscito si trasforma in palcoscenico open air. Di giorno, le recite, i gesti d'attore, i movimenti cauti di sipari e quinte. Di sera, canzoni, nenie folk, loop, ritornelli pop, swing, inni mediterranei e arabeggianti. A cura del musicista Massimiliano Sacchi, da martedì 6 giugno alle 23 inizia un cartellone live che fino al 5 luglio porterà in dono - ogni evento è a ingresso libero - agli spettatori delle repliche teatrali e ai passanti in ozio ogni genere di sonorità. A prescindere dai secoli e dall'ispirazione.

I Concerti notturni iniziano con la Uanema Orchestra, ensemble che fa del verbo jazz, con derive Dixieland e ragtime, la sua identità. Il 7 giugno tocca al duo femminile Fede'n'Marlen, tra chitarre, cajon e canzoni in napoletano, spagnolo e persiano. Giovedì 8 giugno la musica popolare di Caterina Pontrandolfo. L'indomani ecco il duo con Canio Loguercio e Alessandro D'Alessandro, testimoni di un'azione performativa che intreccia poesia meridionale, chanson partenopea infettata di neologismi urbani, organetto, chitarre e loop elettronici.

L'horror-beat dei Le Loup Garou arriverà sabato 10, mentre domenica 11 sarà il turno del folk di matrice Taraf de Funikular. Dal 12 al 18, in cartellone, si alterneranno tra gli altri le Coma Berenices con atmosfere post-rock (il 14) e il teatro-canzone di Roberta Rossi e Contocalakis (il 16). Appuntamento martedì 20 con il bluegrass de La terza classe; quindi l'afro-reggae di Sandro Joeyux il 23; il 24 l'etno-jazz del mandolista Piero Gallo (a lungo con Enzo Avitabile prima, e con Enzo Gragnaniello dopo). Nino Bruno e le 8 tracce, già autore di musiche per i film di Paolo Sorrentino, il 26 presenterà dal vivo la nuova recente opera "Ehi Dei" tra melodie vintage e psichedelia beat. La sera successiva campo libero al folk di Joseph Martone, fino al frizzante party swing del 20 giugno.

Lunedì 1 luglio il jazz del Ciro Riccardi Quintet, il 2 il duo Gatos do Mar tra arpe e linguaggi del Mare Nostrum. Il 4, l'avventura Voyago della cantante tunisina - napoletana d'adozione - M'Barka Ben Taleb e, a chiudere il 5 luglio, il compositore e sassofonista Daniele Sepe con la zattera di Capitan Capitone: alias, il cocktail che contiene un po' di folk/blues, un po' di reggae/rock e tante risate. L'accesso è da via San Carlo e l'area apre ogni giorno alle 19 con la possibilità di usufruire del bar e dei servizi della libreria.





Commenta