Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Viva la Banda: premiati i vincitori che hanno suonato l’inno al Trentino

Viva la Banda: premiati i vincitori che hanno suonato l'inno al Trentino

La Sala della Cooperazione di Trento si è trasformata in una grande festa dedicata alla musica popolare delle bande. Con un finale emozionante: le prime tre classificate hanno suonato insieme l’inno al Trentino. Tanti suoni, unica armonia.

Le quattro bande più votate della settimana: Corpo Bandistico di Riva del Garda, Banda Valle di Ledro, Banda Valboite di Borca di Cadore, Corpo Musicale Folkloristico di Primiero.

“Abbiamo scelto di valorizzare la musica bandistica – ha commentato Giorgio Smaniotto dell’ufficio marketing di Sait – perché è fortemente radicata in tutto il territorio, fa dialogare le generazioni e in cui sono inserite. Tutto a titolo di volontariato. Anche per questo bande e cooperazione hanno molti tratti in comune”.

Renzo Braus, presidente della Federazione Corpi bandistici del Trentino, ha ringraziato la Cooperazione per aver messo in luce un fenomeno, quello delle bande, che coinvolge in Trentino migliaia di appassionati musicisti, che imparano a suonare uno strumento e nello stesso tempo anche a conciliarlo con l’insieme del gruppo.

Il concorso “Viva la banda” è stato promosso dal consorzio Sait – Famiglie Cooperative con la collaborazione di Casse Rurali e Federazione Corpi bandistici.

Novantasette le bande registrate al concorso (dall’11 luglio al 3 settembre): 89 trentine, quattro bolzanine, due bellunesi, una bresciana e una bergamasca. Una valanga i voti espressi dai consumatori soci della cooperazione di consumo: quasi mezzo milione (478.113 per essere precisi) che ha proiettato sul gradino più alto del podio il Corpo bandistico di Riva del Garda, seguito dalla Valboite Borca di Cadore e dal Corpo musicale folkloristico di Primiero.

Altri ventiquattro premi (venti a estrazione, quattro per il maggior numero di voti settimanali) sono stati assegnati ad altrettante formazioni, tutti rigorosamente in buoni per l’acquisto di strumenti e attrezzature musicali.

Queste le venti estratte: Banda Sociale di Pieve Tesino, Gruppo Strumentale Giovanile di Lavis, Corpo Bandistico Val di Pejo, Banda Civica Bernardi di Predazzo, Corpo Bandistico Coredo, Banda Comunale Tuenno, Banda Folkloristica di Telve, Corpo Musicale San Giorgio di Vigolo Vattaro, Banda Comunale di Pinzolo, Fanfara Ana di Riva del Garda, Banda Comunale di Ziano di Fiemme, Fanfara Alpina di Lizzana, Musikkappelle Salurn – Banda Musicale di Salorno, Banda Sociale Mezzana, Corpo Bandistico di Albiano, Banda Sociale di Mori-Brentonico, Corpo Bandistico del Comune di Fondo, Corpo Musicale Città di Trento, Banda Civica di Borgo Valsugana, Banda Sociale di Civezzano.

In una atmosfera allegra e gioviale, sono stati consegnati prima i premi settimanali, uno dei quali vinto dal Corpo Musicale Folkloristico di Primiero che si è aggiudicato anche il pregiatissimo terzo posto finale, dietro al Corpo Bandistico di Riva del Garda e alla Banda Valboite di Borca di Cadore. Tra una consegna e l’altra dei premi, le tre bande hanno avuto occasione di esibirsi proponendo alcuni brani tratti dal proprio repertorio terminando la serata con una impeccabile e doverosa esecuzione congiunta dell’Inno al Trentino.

I premi ricevuti dal Corpo Musicale Folkloristico di Primiero verranno impegnati per rinnovare il “parco strumenti” che necessita di continue manutenzioni. La banda, contentissima del risultato ottenuto, non dimentica di ringraziare e dedicare il premio a tutti coloro che hanno collaborato alla raccolta dei voti a cominciare dai direttori delle filiali delle Famiglie Cooperative di Primiero e del Vanoi, tutti i commessi senza l’aiuto dei quali sarebbe stato difficile raggiungere l’ambito traguardo, i clienti sostenitori residenti, ma anche i numerosissimi turisti che hanno “regalato” i propri scontrini e, infine, ovviamente, tutti i membri del Corpo Musicale che si sono impegnati in qualsiasi maniera per arrivare sul podio, facendo proprio il motto di Macchiavelli “Il fine giustifica i mezzi”!



Tag:

Commenta