Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Il Coro Città di Cernusco sul Naviglio

http://youtu.be/GsSp6awUMOg

Continua il viaggio di musica popolare italiana alla ricerca dei cori in giro per l’Italia. Questa settimana ci fermiamo a Cernusco sul Naviglio (MI) dove nel 1973 ufficialmente è stato fondato un coro polifonico amatoriale tutto al maschile diretto dal prof. Maggioni e dal m. Invernizzi: il Coro Città di Cernusco Sul Naviglio.

Nel giro di pochi anni, il Coro diventa una delle realtà più prestigiose, a livello nazionale, per il repertorio profano e popolare, tanto da ottenere molti riconoscimenti tra cui il primo posto nel Concorso Nazionale Guido d'Arezzo.

Nel 1982 il Coro si apre con l'aggiunta di voci femminili, raggiungendo una composizione di 60 elementi. Questa formazione inizia una serie di memorabili collaborazioni con Orchestre di prestigio e sul territorio nazionale e sul territorio internazionale.

Nella sua lunga storia il Coro Città di Cernusco Sul Naviglio, sotto la guida dei maestri Galbiati, Foti e Camagni,  ha partecipato a numerose rassegne e  a molti concorsi. Ha eseguito ed organizzato concerti riportando sempre buoni riscontri di critica e di pubblico.

Nell'ultimo periodo tante sono state le occasioni significative in cui il Coro ha espresso la sua grandezza e la sua storia. Ne ricordiamo alcune: nel 2002 la trasferta a Basilea, nel 2004 a Friburgo, nel 2005 a Praga,  sempre nel 2005 la partecipazione alla Notte Bianca di Milano, e le esibizioni in Trentino, Toscana, Liguria, Piemonte. Tante le location toccate in terra lombarda: il Duomo di Milano, la Cappella dell’Incoronata a Lodi, la Basilica di San Bassiano a Lodi Vecchio, S.Maria delle Grazie a Milano.

Il Coro si ripresenta rinnovato, sotto la guida esperta del Maestro Giorgio Radaelli del suo coadiutore Paolo Saluzzi e della preparatrice vocale Paola Bozzolini.

Gli obiettivi? Tanti e ambiziosi. L’incontro tra le generazioni, la crescita dei singoli membri e dell’ensemble vocale, il lavoro costante sulla costruzione di un repertorio vasto che spazia dalla musica classica, colta a quella popolare, la collaborazione con le realtà locali, la costruzione di percorsi artistici di qualità e la costruzione di una città tutta in canto.

Un coro fedele alla sua storia.  Una storia che teneva insieme e faceva esprimere tutti i “cantori da osteria” del paese, aperto alle voci femminili.

Una volta il canto era tutto, non c'era nient'altro e la domenica pomeriggio la si passava a cantare, oggi?

 



Tag:

Commenta