Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

Presentato il Distretto Culturale della Musica Popolare: lo sviluppo territoriale passa per la musica

Presentato il Distretto Culturale della Musica Popolare: lo sviluppo territoriale passa per la musica

 

 

Lunedi 3 Luglio al GRID di Frosinone è stato presentato il Distretto Culturale della Musica Popolare, un progetto innovativo che punta al rilancio dei territori fuori dalle aree metropolitane attraverso la cultura della Musica Popolare. Il progetto è firmato NEW MEDIA FARM, editore digitale proprietario del portale web musicapopolareitaliana.com; ASSOCIAZIONE CULTURALE TA'M TERRAE ONLUS che opera nell'ambito della valorizzazione territoriale e della promozione culturale; ISTITUTO FERNANDO SANTI che svolge attività di studio e formazione rivolta ai cittadini migranti ed alle comunità di italiani all'estero;

Tramite una sinergia di intenti tra artisti, istituzioni ed enti locali, si mira a uno sviluppo territoriale che faccia leva su risorse e valori, sul bene culturale immateriale, per uno sviluppo qualificante del territorio; un'interpretazione dunque della musica popolare come una leva di specializzazione territoriale, capace di contribuire ad uno sviluppo che crei valore e occupazione qualificata attraverso le sue componenti immateriali (capitale umano, capitale sociale, capitale identitario/culturale).

I punti chiave di questo progetto sono costituiti dalla creazione di una rete degli artisti, degli operatori di musica popolare, una rete degli eventi, una rete di archivi-musei e una rete delle case della musica popolare.

Alla presentazione sono intervenuti tra gli altri:

i musicisti Giuliano Gabriele e Bendetto Vecchio; il vice presidente dell'UNPLI Regione Lazio Walter Creo, il vice presidente dell'Istituto Fernando Santi Rino Giuliani; la Responsabile della Segreteria di Daniela Bianchi, vice presidente della Commissione Cultura della Regione Lazio; il sindaco di Boville Ernica Piero Fabrizi; i consulenti e rappresentanti dei Gal della Valle dei Santi ed Aurunci e Ernici Simbruini.



Tags:

Comments