Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

Itinerari Folk: 12 concerti al femminile portano a Trento la musica del mondo

Itinerari Folk: 12 concerti al femminile portano a Trento la musica del mondo

Giunge alla sua trentesima edizione la rassegna musicale Itinerari Folk. Nata nel 1988 e dal 1990 organizzata dal Centro servizi Culturali Santa Chiara, la rassegna ha accompagnato le estati cittadine con viaggi musicali in quella che viene definita World Music.

Ecco che Itinerari Folk per questo prestigioso e longevo traguardo ha deciso di festeggiare con un cartellone originale e assai ricco di proposte, 12 appuntamenti e quindici progetti musicali che abbracciano tutto il mondo, con due anteprime in attesa dell’ inizio del festival il 3 luglio. A cadenza settimanale infatti la rassegna “abiterà” i venerdì sera. L’ inizio dei concerti è alle 21,30 e meteo permettendo la scenografia sarà quello del cortile Scuole Crispi Bonporti. In caso di pioggia è previsto l’ accesso a Teatro Cuminetti e, terminati i lavori di manutenzione, Auditorium Santa Chiara.

Non solo una rassegna ricca, ma anche declinata al femminile. Tutti gli appuntamenti infatti si legano alla sensibilità e vocalità femminile, protagonista di Itinerari Folk sulla suggestione ed ispirazione della tendenza musicale del momento. «Non è casuale - ha chiarito Mauro Odorizzi, storico ed appassionato direttore artistico della rassegna - la scelta di proporre la sensibilità femminile a tema di Itinerari Folk. L’ ispirazione mi è giunta attraverso frequentazione con i festival internazionali con cui abbiamo stretto legami e collaborazioni. In particolar modo il festival catalano in Spagna con cui siamo gemellati ha stilato una proposta con ben cento interpreti femminili di world music, definendo i confini di questo momento assai fertile della musica folk legata ad interpreti donna».

Non a caso quindi la scelta di utilizzare quale immagine di copertina della rassegna il volto di Ana Alcaide, ospite il 7 luglio, quando presenta a Trento il suo ultimo lavoro “Leyenda”, in una data in cui festeggerà il suo ritorno ad Itinerari Folk ma anche il suo stesso compleanno. Da Toledo coniuga la tradizione con le suggestioni musicali di tutto il mondo. La rassegna inaugura il 3 luglio con un doppio appuntamento. Torna a Trento Giulia Tamanini. Classe 1988, questo “sax in fuga” torna in concerto da Parigi con questo suo progetto dedicato alla musica brasiliana “Trio in uno”. Dalla proposta di autori brasiliani al Sud America con la seconda proposta della serata che arriva da Cuba dove ha studiato flauto traverso e porta a Trento il suo set di contaminazione fra suoni caraibici e nuovi linguaggi urbani La Dame Blanche, Yalte Ramos Rodriguez, anche erede di uno dei produttori del Buena Vista Social Club.

Ci si sposta ad est il 10 luglio in un ulteriore doppio appuntamento con la voce di Namgyal Lhamo, anche chiamata l’ usignolo del Tibet. A Trento propone un viaggio nei suoi lavori che si dividono in un’ antologia di musica tradizionale tibetana e uno in musica operistica. Durante la serata ci si sposta in Bulgaria con il progetto Bisserov Sisters che prosegue l’ antica tradizione orale. Arriva dal nord, dalla Finlandia e presenta la propria strumentazione originale ed inedita con il quartetto Kardemimmit.

Proprio perché l’ elemento fondamentale della proposta sono i linguaggi e il canto della tradizione compresi i dialetti di provenienza ci si sposta il 21 luglio verso un viaggio nella tradizione popolare piemontese con il progetto Quintetto Nigra a cui si aggiunge durante la serata anche quello nel linguaggio veneto con la voce di Rachele Colombo, voce dei Calicantus, che presenta il duo con Miranda Cortes il suo disco “Andar”.

Dall’ Africa il 17 luglio invece giunge una delle artiste più interessanti del momento Sona Jobarteh che interpreta il miglior mix dei tanti backround da cui ha attinto.

Il 24 luglio l’ opportunità è quella di ascoltare il violoncello di Leyla McCalla, artista haitiana che presenta nel suo modo personale la cultura musicale della Luisiana.

Ed ancora America anche il 4 agosto con un’ anteprima in Italia del collettivo Le Poules Aì Colin che arriva dal Canada.

La rassegna si completa quindi il 26 luglio con il progetto italiano Andhira, quello francese Chet Nuneta e il 7 agosto Ellen MacDonald, cantante gaelica, & Daimh. Itinerari Folk si conclude l’ 11 agosto con una star unica del panorama della musica africana anche se lei vive in Portogallo, Carmen Souza propone una pietra miliare della musica che parte da Capo Verde per guardare oltre i confini. In attesa della rassegna due i concerti di avvicinamento. Il 20 giugno all’ interno della proposta del Centro Astalli per la giornata del rifugiato sarà in concerto Saba Anglana, italiana di origini somale. Invece il 24 giugno per la Notte Magica imperdibile il concerto di Luca Bassanese e la Piccola Orchestra Popolare.





Comments