Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

It reopens Reggio Calabria’s Musical Instrument Museum

It reopens Reggio Calabria's Musical Instrument Museum

At Reggio Calabria on April 25 it reopnes the Musical Instrument Museum, closed since november 2013 when unknown persons set fire to it, destroying the greater part of the finenatural jewerlies, able to reproduce souds and convert it into notes, testifying the culture of close and distant population.

The structure host on a 200 square feet surface, is mangaged by the Museum Association of the Musical Instrument, founded in 1996 by Demetrio Spagna, who up to november 2013 exhibited a precious collection of musical instrument from all over the world. Most of them were destroyed as the library in which there were ancient books and musical scores.

It reopens with the exhibit named "Suoni materiali. Gli strumenti e la loro origine naturale” realized in collaboration with the socio cultural association"La Cartiera”, to tell the musical use of the domestic cane and pumpkin.

Un passato che innegabilmente lascia segni e ferite, oltre che misteri, da cui tuttavia è nato un presente di solidarietà, fatta di persone e gesti concreti, capaci oggi di restituire speranza e disegnare la possibilità di un futuro.
Circa ottocento strumenti catalogati in cinque famiglie: Aerofoni, Cordofoni, Idiofoni, Membranofoni e Meccanico-elettrici con una ricca sezione dedicata agli strumenti della tradizione musicale reggina e calabrese. Una collezione che spaziava dalla cultura musicale etnica a quella tradizionale popolare e a quella occidentale “colta”; una sala espositiva allestita con pannelli esplicativi, con informazioni organologiche e storiche, immagini e percorsi tematici e display con i quali interagire ed ascoltare gli stessi strumenti suonati proprio nei contesti identitari di appartenenza, grazie alla raccolta di contributi da tutto il mondo.



Tags:

Comments