Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

The Corajìsima, an event to relive the tradition

Thanks to Andrea Bressi the ancient Corajìsima tradition, still so common in many Abruzzo countries, was presented during an importan event that took place at Torrevecchia Teatina, Chieti's province.

The initiative, from 11 to 13 March, was promoted by the Teatine Traditions Company with the direction of the professor Francesco Giovanni Maria Stoppa, Director of the Territorial Anthropology for Turism of Chieti's D'Anunzio University. Only Calabrian member Andrea Bessi, known for his popular music shows and for the accurate researches in popular traditions.

Il convegno di Torrevecchia è stato promosso in concomitanza con la tradizionale festa delle bambole volanti, rivitalizzata dal prof. Stoppa, che prevede un originale e partecipato corteo di bambole sospese a colorati fili ancorati a delle canne.

Andrea Bressi, supportato da un video che testimonia le sue ricerche, ha spiegato che in Calabria la Corajisima rappresenta la vedova di Carnevale, con ai piedi o in testa un'arancia o una patata con conficcate sette penne di gallina. Quest’ultime vengono poi tirate una ogni domenica di Quaresima. L'ultima viene strappata il giorno di Pasqua.

Le pupattole hanno, tra una mano e l’altra, un filo di lana che va dalla conocchia al fuso. Il filo rappresenta lo scandire del tempo, di questi quaranta giorni di penitenza e digiuno dalle carni, di comportamenti sobri e in generale privi di eccessi alimentari.

Il video, realizzato con il supporto tecnico di Rossella Genovese, evidenzia come le nostre corajisime variano di zona in zona, per dimensione e colore, per simboli e addobbi presenti e subiscono mutamenti nel corso degli anni.

Nel corso del ricco e variegato programma della manifestazione abruzzese si è tenuta una tavola rotonda sulla tematica delle problematiche relative alla gestione della ripresa delle tradizioni.



Tags:

Comments