Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

The Canzoniere Grecanico Salentino with Ludovico Einaudi in the new video “Taranta”

New video for the Canzoniere Grecanico Salentino, with the eminent collaboration of  Ludovico Einaudi. The video realized by Gabriele Surdo, is in black and white and is extracted by the last group's album "Quaratnta (Ponderosa)", that celebrates the band's 40 years.

The faces in the foreground, the instruments protagonists, a rythm that starts, and a swirling dance, from the beginning to the end. "Taranta" (the song's title) eroded to the essential, squeezed, and for this reason more powerful.

Il maestro torinese Ludovico Einaudi ci mette lo zampino firmando le musiche con Mauro Durante. E, alla fine, un verso in inglese: “If you dance alone you cannot heal”, letteralmente se balli da solo non ti puoi curare. Tre minuti e mezzo tutti d’un fiato per capire come la musica popolare può uscire dai suoi confini. Territoriali e di genere.

https://youtu.be/4cG6pbwx_dw

TARANTA
(testo: M. Durante / musica: L. Einaudi, M. Durante)

io tegnu nu tormentu intra lu piettu
ca me consuma e nu se ferma mai

me tremula la terra sutta li peti
nu c’è mai fine pe lu miu cadire

quiddhu ca mangiu nu tene sapore
pe mie nu c’è chiui luce ne culore

la gente sapia comu t’i curare
ci lu tou male se chiama’ taranta

e osce ca li tempi hannu cangiati
ci è ca po sentire lu miu dulore

e ci me porta l’acqua pe sanare
a ci chiedu la grazia pe guarire

nu sacciu ci è taranta ca me tene
ma nu me lassa e me face mpaccire

ci è taranta nu me abbandunare
ci balli sulu nu te puei curare

ci e’ taranta lassala ballare
ci e’ malencunia cacciala fore

[ita]

io tengo un tormento dentro il petto
che mi consuma e non si ferma mai

mi trema la terra sotto i piedi
non c’è mai fine per il mio cadere

quello che mangio non ha sapore
per me non c’è più luce né colore

la gente sapeva come dovevi curarti
se il tuo male si chiamava taranta

e oggi che i tempi son cambiati
chi è che può sentire il mio dolore

e chi mi porta l’acqua per sanare
a chi chiedo la grazia per guarire

non so se è taranta che mi tiene
ma non mi lascia e mi fa impazzire

se è taranta non mi abbandonare
se balli solo non ti puoi curare

se è taranta lasciala ballare
se è malinconia cacciala fuori



Tags:

Comments