Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

Lu Trainanà: la musica nelle zone terremotate delle Marche riparte da loro

Lu Trainanà: la musica nelle zone terremotate delle Marche riparte da loro

 

All'interno di Pelli Tese, iniziativa che ha visto al GRID di Frosinone incontrarsi le realtà ciociare e marchigiane, attraverso uno stage di tamburello, c'è stato modo di parlare di una realtà importante, quella dell'Associazione Culturale Lu Trainanà.

Marco Meo, responsabile dell'associazione, ci parla dell'impegno del gruppo a far ripartire la musica popolare nelle zone colpite dal terremoto: "La musica tradizionale per noi significa aggregazione, in un territorio come il nostro colpito dal terremoto, dove stiamo cercando di costruire un centro culturale".

"Lu Trainanà” è un progetto che punta alla riscoperta ed alla rivalutazione della tradizione musicale marchigiana, propria dell' “epoca contadina”.

Il repertorio è di conseguenza , fortemente legato alla terra : le feste paesane, i tanti canti di questua (cantamaggio, pasquella , passione ...), storielle maliziose e d'amore ; ma soprattutto gli immancabili stornelli a tempo di saltarello.
“Lu Trainanà” non è una vera e propria band, né tanto meno un complesso nel senso comune del termine,ma la somma (diversa nelle sue parti) di individualità, accomunate oltre che dalla passione per la musica, dalla stessa identità geografica.
Quindi potremmo definirlo un gruppo spontaneo, quasi una riunione casuale che naturalmente ha cominciato a produrre musica.
Il metodo di ricerca è stato quello tradizionale della curiosità, ascoltando i nostri nonni e frequentando, per il solo gusto di farlo, alcune vecchie feste, dove la memoria della società contadina ancora risuona, oltre che nella musica, nei proverbi, nelle battute e in una concezione della vita dove tutti hanno un ruolo ed una caratteristica sociale definita ed accettata.