Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

Natale e le poesie in dialetto lombardo

Natale e le poesie in dialetto lombardo

Si avvicina il Natale, e tra le tante tradizioni regionali tipiche di questo periodo ci sono certamente le poesie in dialetto, segno di una tradizione orale che nei momenti di festa si fa più viva che mai.

Il viaggio attraverso i componimenti poetici natalizi della nostra penisola continua con la Lombardia:

Voglia di natale Col cœur an’mò ingarbiaa in de la cassina/ el se bestira i òss l’ultim paisan,/ e la candela pizza in la bosia/ la mett in ciar i barlafus d’on temp:/ la bròcca in del tripee portacadin,/ l’acquasantin e la Maria Bambina/ fassada in de la cuna d’on veder a campana./ E l’œucc el corr sui trav e sul camin/ con dent an’mò freguj de scendra antiga./ La vœuja de Natal l’è lì con lù/ sul materass de fœuja de melgon./ La vœuja d’on Natal come ona vòlta,/ con tanti vos che riven de lontan,/ come in d’on sògn…/ Vos de tosann che canten sul sentee…/ …là in fond… tra i fontanitt.. vesin al Lamber…/ “Tu scendi dalle stelle…”/ Su donca! Riva gent!/ Gh’è chi el Natal, Natal come ona vòlta…/ Mett el pariœu sul fœugh…/ canella, acqua e saa, farina gialda…/ e…alé…òli de gombed./ Se sgrana trii rosari/ e se la cuntom-sù dent in la stalla./ Gh’è chì l’Armida, quella di ricamm,/ el Gino cavallant cont el clarin…/ i fiœu ch’hinn mai cressuu, el bergamin./ Tra el pòrtich e la stalla… quanta gent…/ ghe vœur an’mò on quej scagn, ona banchetta/ e on para de fiaschett… per la polenta./ Se smòrza la candela sul ciffon,/ el gatt el s’è fognaa in d’on quej canton/ e intant l’ultim paisan/ el nega in d’on bell sògn…/ e par ch’el rida.

Traduzione Con il cuore ancora aggrovigliato nella cascina/ si stiracchia le ossa l’ultimo contadino./ E la candela accesa nella bugia/ mette in luce le cianfrusaglie di un tempo:/ la brocca nel treppiedi porta catino,/ l’acquasantino e la Maria Bambina/ fasciata nella culla/ di una campana di vetro./ E l’occhio corre sulle travi e sul camino/ con dentro ancora briciole di antica cenere./ La voglia di un Natale è lì con lui/ sul materasso di foglie di granoturco./ La voglia di un Natale come un tempo,/ con tante voci che arrivano da lontano,/ come in sogno…/ Voci di ragazze che cantano sul sentiero…/ …là in fondo… tra i fontanili… vicino al Lambro…/ “Tu scendi dalle stelle…”/ Su, dunque! Arriva gente…/ C’è qui Natale, il Natale di un tempo…/ Metti il paiolo sul fuoco…/ cannella, acqua e sale, farina gialla…/ e… alé… olio di gomito./ Si sgranano tre rosari/ e ce la raccontiamo dentro la stalla./ C’è l’Armida, quella dei ricami…/ il Gino cavallante con il clarino…/ i figli mai cresciuti, il bergamino./ Tra il portico e la stalla… quanta gente…/ occorrono altre sedie, una panca/ e un paio di fiaschetti per la polenta./ Si spegne la candela sul comodino,/ il gatto si è ficcato in qualche angolo/ e intanto l’ultimo contadino/ annega in un bel sogno/ e sembra ridere.



Tags:

Comments