Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

I Suoni delle Dolomiti

Su musica popolare italiana i Suoni delle DolomitiOggi il blog di musica popolare italiana dedica il suo appuntamento settimanale tra le terre dei suoni e fa tappa su al Nord, in scena sono i Suoni delle Dolomiti. Parte domenica 29 giugno 2014 e tira dritto fino a giovedì 28 agosto 2014 il festival di musica in quota. Decine di concerti in quota, tutti i generi musicali presenti, grandi interpreti, musicisti e artisti. L’edizione 2014 apre uno spazio particolare alla sezione “Dolomiti di Pace”, a 100 anni dall’inizio della Grande Guerra.

Vent’anni di musica sulle montagne del Trentino: il festival I Suoni delle Dolomiti compie e festeggia il suo 20° compleanno con un ricco programma. Si parte domenica 29 giugno al Rifugio Brentei (Dolomiti di Brenta), con il violoncellista Mario Brunello, musicista che più di ogni altro incarna lo spirito avventuroso.

Due mesi, centinaia di artisti coinvolti, musicisti di fama internazionale attivi nell’ambito della musica. Si va dalla classica al jazz, dalla world music alla canzone d’autore, fino alla musica popolare italiana. Tutti a suon di passi e note. La direzione? Le Dolomiti, con i suoi luoghi incontaminati, con l’alta quota, con i suoni e i testi di tutti.

Un incontro per tutti, la musica parla a tutti e la montagna apre il suo spazio ai suoni e ad un festival, che di anno in anno, di vetta in vetta, rappresenta il tentativo unico e diventa il punto di riferimento artistico, musicale e culturale.

Ad organizzare il tutto l’assessorato provinciale all’agricoltura, foreste, turismo e promozione e Trentino Sviluppo Spa, Divisione Turismo e Promozione, con Apt d’ambito, Consorzi Turistici e Pro Loco. Il contributo prezioso di numerosi soggetti pubblici e privati del territorio e la direzione artistica di Chiara Bassetti e Paolo Manfrini.

Un momento unico, un ascolto unico che prende il nome di Suoni delle Dolomiti. Un lungo viaggio che percorrerà le trincee, le gallerie e i camminamenti del Pasubio insieme ai componenti del Signum Saxophone Quartet (due sloveni e due tedeschi). Tutte le musiche scritte durante gli anni della Grande Guerra.

Novità de I Suoni delle Dolomiti 2014 la sezione Arteapedali: dal 17 al 19 luglio, quattro “ciclomusicisti” – Daniele di Bonaventura (bandoneon), Elias Nardi (oud), Carlo La Manna (basso) e Corrado Bungaro (nikelharpa) - pedaleranno insieme ai partecipanti a un tour in mountain bike lungo il percorso di 120 km di Dolomiti Brenta Bike. Poi spazio a Gianluca Petrella, a Paolo Fresu che per l’occasione ha concepito 12 nuove composizioni che gettano un ponte ideale tra il Gennargentu e le Dolomiti, fra il sardo e il ladino. Il chitarrista Bebo Ferra e il quartetto d’archi Alborada.

Spazio alla musica classica con il meglio della produzione artistico musicale su scala nazionale e internazionale tra arpe, flauti, ensemble d’archi, fisarmoniche e percussioni.

Spazio al jazz e poi al meglio della canzone d’autore italiana e alla musica popolare con Cristiano De André, Ginevra Di Marco, Paola Turci, Marina Rei, Paolo Jannacci con un omaggio al suo papà Enzo. Poi spazio ad Arisa e Noemi e tra musica, arte e poesia Michele Serra leggerà pagine da Gli sdraiati accompagnato dal contrappunto ironico musicale della Banda Osiris.

La 20ª edizione de I Suoni delle Dolomiti si concluderà giovedì 28 agosto nel museo a cielo aperto di Arte Sella con un concerto del pianista americano Uri Caine, con Mario Brunello ospite in alcuni brani.

L’Italia è più viva che mai e risuona tutta.

http://youtu.be/Wz5juFqGj9I



Tags:

Comments