Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Close

La Zampogna “Perfetta”

Un viaggio nell'Italia della Zampogna, dove ogni regione si incorona come "massimo esponente" della costruzione dell'antico strumento. Ogni luogo ha il proprio metodo e la sonorità ne risente, dando alla melodia quell'atmosfera di "casa" che solo il "paesano" sa riconoscere! A nostro parere ogni luogo merita la palma di "Miglior costruttore di Zampogna".

Iniziamo il viaggio - Voce ai protagonisti:

 

Sicilia: Costruzione di Zampogna/Ciaramedda
 

Lazio: la zampogna di Acquafondata.
 

Basilicata/Calabria: la zampogna del Pollino.
 

Basilicata: La zampogna di Antonio Forastiero
 

Campania: La zampogna di Monte San Giacomo

Zampogna per regione:

Zampogna in Abruzzo, nel Molise e nel Lazio:
La zampogna a chiave e la zampogna zoppa sono zampogne con ancia doppia, hanno 4 canne, due bordoni senza fori un bordone lungo e uno corto e due canne di melodia, la dritta e la manca. Nella suonata può essere accompagnata dalla ciaramella (che ha misure variabili da 21 a 32).

Zampogna a chiave molisana-laziale (Molise, Lazio e Abruzzo): Le canne di melodia sono intonate a distanza di ottava.

Zampogna zoppa molisana-laziale (Molise, Lazio e Abruzzo): Le canne di melodia sono intonate a distanza di terza.
Ciaramelle di Amatrice (Lazio)

Zampogna in Campania e Basilicata:
Zampogna a chiave campano-lucana (Campania e Basilicata)
Surdulina calabro-lucana (Calabria e Basilicata)

Zampogna in Puglia
Zampognari del Gargano (Puglia)
Zampogna in Calabria
La Zampogna detta anche in dialetto calabrese Ciarameddha o Ciarammeddhra o Ciaramida viene usata per suonare motivi pastorali, sonate a ballu, fanfarre o canti ad aria. Si declina in sei versioni principali e tre varianti minori nell'area calabrese.

Zampogna "a moderna" diffusa nell'area dell'Aspromonte greco.
Zampogna a paru diffusa nella Provincia di Reggio Calabria e in quella di Messina.
Zampogna a chiave delle Serre originaria dell'area delle Serre Calabresi, nata nell'Ottocento e diffusa nella Provincia di Vibo Valentia, in gran parte della Provincia di Catanzaro, nella parte settentrionale della Provincia di Reggio Calabria e in una piccola area intorno a Rogliano in Provincia di Cosenza. È presente in due modelli principali, romani e menzetti. Ha 5 canne. I nomi sono: destra, manca, la più piccola cardìu (in italiano: cardellino), terza o masculu ed infine trumbuni per le note basse e per dare la tonica della scala. Possiede una chiave per poter raggiungere una nota che col dito non riuscirebbe a raggiungere.
Zampogna nostrale o Conflentana diffusa nell'area del Reventino e della pre-Sila catanzarese.
Surdulina diffusa nelle province di Catanzaro, Cosenza e Crotone e caratteristica in particolare delle comunità albanesi.
Zampogna a chiave calabro-lucana diffusa in tutta l'area del Pollino, in origine era uno strumento solista, oggi con le innovazioni dello zampognaro Lanza e i più frequenti contatti con altre aree della Calabria viene suonata anche con la ciaramella.
Inoltre vi sono altre tipologie di zampogne meno diffuse: la Stifette e le Cornette nell'area di Mesoraca, in Provincia di Crotone e i Terzaroli nell'area di diffusione della Zampogna a chiave delle Serre.

Zampogna in Sicilia
Zampogna a chiave di Monreale (Sicilia)
Zampogna a paru siciliana

Numerosi gli eventi ed i festival dedicati a questo strumento, tra questi ricordiamo:

Il Festival Internazionale della Zampogna di Scapoli, in Molise a luglio.
Il Festival internazionale di Acquafondata (FR), che si svolge dal 1961 nel mese di agosto.
Il Festival della zampogna di Maranola (LT) a gennaio.
Suanu 'e Canna che si svolge a Sant'Andrea Apostolo dello Ionio (CZ).



Tags:

Comments