Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Close

Lu Giustacofane, primo singolo del nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino

 

Lu Giustacofane, primo singolo del nuovo album del Canzoniere Grecanico Salentino

Siamo abituati a cambiare velocemente: oggetti e cose, quando si rovinano. Situazioni e affetti, quando diventano difficili e ci feriscono. Eppure, qualcuno ancora crede nel valore della cura e ci incoraggia a resistere, a non arrenderci.

Questo l’invito de “Lu Giustacofane”, video del primo singolo di “Canzoniere”, l’ultimo album del Canzoniere Grecanico Salentino (CGS), tra i più importanti e riconosciuti gruppi di world music, in uscita il 27 ottobre su etichetta Ponderosa.

 

 

Il CGS, dal 2007 guidato da Mauro Durante, ci regala una clip - diretta dal duo registico AcquaSintetica - onirica e surreale dedicata a “Lu giustacofane”, colui che passava di paese in paese per riparare gli oggetti danneggiati. Un incoraggiamento a continuare a lottare. “Non c’è ferita che non può sanare”: incita il testo.

Protagonisti del video sono gli ulivi e i rugosi volti degli anziani, perché c’è un legame profondo tra questi alberi secolari che ricoprono la Puglia e la sua gente. Insieme diventano un totem, simbolo vivente della nostra storia e cultura. Quando tutto questo viene attaccato con violenza e arroganza, a vantaggio di spregiudicate speculazioni economiche - come la questione Xylella che continua a sterminare gli ulivi, o quella del TAP (Gasdotto Trans-Adriatico) che vuole approdare sulle coste del Salento - la risposta non può essere diversa da quella di resistere, uniti a difesa del nostro patrimonio.

A 42 anni di distanza dalla fondazione dello storico gruppo, il nuovo disco - registrato tra Lecce e New York - ha un anima cosmopolita perfettamente rappresentata dalla metafora visiva della copertina (“COCA-COLA, 2015”) realizzata dal collettivo artistico Casa a Mare. Nella bottiglia di Coca Cola, simbolo del “contenitore” mondo, si riversa una salsa di pomodoro unica, senza tempo, profondamente contemporanea e glocal, proprio come la musica del CGS.

Il CGS è composto da Mauro Durante (voce, tamburi a cornice, violino), Alessia Tondo (voce, percussioni), Silvia Perrone (danza), Giulio Bianco (zampogna, armonica, flauti e fiati popolari, basso), Massimiliano Morabito (organetto), Emanuele Licci (voce, chitarra, bouzouki), Giancarlo Paglialunga (voce, tamburrieddhu).



Tags: