Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Close

Natale e le poesie in dialetto valdostano

Natale e le poesie in dialetto valdostano

Appena passato il Natale, continua il periodo di festa che ci porta fino a Capodanno e tra le tante tradizioni regionali tipiche di questo periodo ci sono certamente le poesie in dialetto, segno di una tradizione orale che nei momenti di festa si fa più viva che mai.

Il viaggio attraverso i componimenti poetici natalizi della nostra penisola continua con la Valle D'Aosta:

Ah, retournar!… Ah, ritornar Lou ransignol chanto pus sa chancoun/ din le sere d’istà,/ coumo din les misoun/ pus se senten i chant di minà./ Lou silenci es din ma coumbo/ sus les lièri l’erbo es loungo,/ de lou béu temp passà/ soulèt en recort es istà./ Ah! retournar ai temp di nosti paire,/ quouro èren tuchi urcus,/ bèn que de sòut n’avìhen gaire./ Euro ren que de croubas chànten per nous/ e, coumo na tristo chancoun,/ seméo que dìsen: «Vitoun,/ nousiauti venarèn après de vous!»/

Traduzione L’usignolo non canta più la sua canzone/ nelle sere d’estate,/ cosi come nelle case/ più nen si odono i canti dei bambini./ Il silenzio è nella mia vallata,/ sulle aie l’erba è lunga,/ del bel tempo andato/ è rimasto solo un ricordo…/ Ah, ritornare al tempo dei nostri padri,/ quando tutti erano felici,/ benché avessero pochi soldi./ Ora non cantano che i corvi per noi è/ e, come una triste canzone,/ sembrano dire: «Montanari,/ noi prenderemo il vostro posto»

 



Tags: