Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Close

The “Vattienti”: Nocera Terinese Holy Week’s feature

tasto home

La Settimana Santa di Nocera Terinese (Cz) raggiunge il suo momento clou durante il Sabato Santo con i flagellanti o vattienti in corteo, figure che si battono a sangue le cosce e i polpacci in momenti intensi e di grande potenza scenica. Ma fin dalla domenica delle Palme tutto il paese calabrese è coinvolto in una serie di rituali: dalla benedizione delle palme alla cerimonia del Cireneo, fino al mercoledì, quando la frenesia raggiunge punte elevatissime perché “caccianu a Madonna”, ovvero viene esposta la statua dell’Addolorata per un anno nascosta in una nicchia velata. Solo al venerdì uscirà dalla chiesa per la processione serale che finisce a mezzanotte.

La genuina devozione popolare che c' è intorno al culto dei Dolori di Maria Santissima Addolorata va di pari passo con il singolare rituale di flagellazione dei "Vattienti". Questa tradizione popolare resiste tenacemente, grazie ad un autentico spirito religioso dei partecipanti e al notevole numero di visitatori che seguono la processione e la manifestazione.

La Settimana Santa nocerese ha inizio la Domenica delle Palme, con la benedizione delle palme e, tranne che il Lunedì Santo, vede ogni giorno lo svolgersi di riti e funzioni sacre.

Infatti il Martedì Santo si celebra la funzione detta del "Cireneo", mentre il Mercoledì Santo mattina viene esposta la statua della Pietà sul sepolcro preparato dalle donne.

La sera del Giovedì Santo nella Chiesa di S. Giovanni si celebra la funzione della "Cena" con la lavanda dei piedi ai dodici apostoli vestiti con un camice bianco e con la testa adornata da una corona di spine (sparacogna), al termine della cerimonia il sacerdote distribuisce agli apostoli i "tortani" (pane benedetto che poi viene distribuito in famiglia e tra gli amici); al termine del Gloria, le campane tacciono fino alla risurrezione di Gesù e per il paese si sente il suono caratteristico della "troccola" un pezzo di legno particolare su cui sono posti dei pezzi di ferro che emettono rumore quando vengono agitati.

La sera del Venerdì Santo si raggiunge forse il momento più intenso, più sentito della Settimana Santa. Dopo l' adorazione della Croce, la statua dell' Addolorata viene lentamente portata nella Chiesa di San Giovanni seguita da una moltitudine di gente commossa; arrivata alla porta della Chiesa matrice la statua si ferma dietro la porta interna, la folla ascolta la predica che rievoca la passione di Cristo, interrotta di tanto in tanto dai canti dei fedeli, e al termine il predicatore invita la Madonna ad entrare; l' entrata e l' incontro tra la Madonna e il Cristo rappresenta un momento di intensa commozione, vissuta in silenzio dai fedeli che al termine riaccompagnano la statua nella chiesa dell'Annunziata.

Il Sabato Santo si svolge la processione, che attraverso un percorso ben preciso raggiunge tutte le chiese e i sepolcri preparati dai fedeli; la processione e preceduta da una grande Croce di legno. L' esposizione della statua dell' Addolorata è accompagnata oltre che dalla preghiera dei fedeli anche da antichi canti tradizionali.
Ma la Settimana Santa a Nocera Terinese è soprattutto caratterizzata dal rito di sangue dei "Vattienti" che si svolge il Venerdì e il Sabato in concomitanza della processione.
Questi uomini esprimono attraverso quel gesto rituale, la loro profonda fede e la loro identità culturale.


 




Tags: