Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Close

Triccheballacche, a traditional instrument from Campania

The Triccheballacche (also called Tric-ballac or Triccabalacca or Trick Ballack, from a onomatopoeic definition: tric-trac is the percussion hammers' noise; ballacche is a kind of invitation to dance) is a traditional musical instrument from southern Italy, known in Naples' area, composed by three wooden percussion hammers framed with each other.

The three percussion hammers are paralleal among each other, while the two wooden frameworks are perpendicular compared to the percussion hammers. The framework located in the lower part connects the the three percussion hammers, the second higher framework lets the two external percussion hammers have a range, steering at the same time the maximum width they can have. The two external percussion hammers are moved by the musician, and, hitting the central percussion hammer, that remains fixed, produce the typical instrument's sound.

Il Triccheballacche (anche chiamato "Tric-ballac" o Triaccabalacca" o "Trick Ballack", da una definizione onomatopeica: tric-trac è il rumore dei martelletti; ballacche è una sorta di invito alla danza) è uno strumento musicale tradizionale dell'Italia meridionale, conosciuto nell'area di Napoli, formato da tre martelletti in legno intelaiati fra loro.

triccaballacca

I tre martelletti sono paralleli fra loro, mentre i due telai in legno sono perpendicolari rispetto ai martelletti. Il telaio posto nella parte inferiore unisce i tre martelletti, il secondo telaio posto più in alto permette ai due martelletti esterni di avere un'escursione, governando al contempo l'ampiezza massima che gli stessi possono avere. I due martelletti esterni vengono mossi dal musicista, e battendo contro il martello centrale, che rimane fisso, producono il suono proprio dello strumento.

In alcuni esemplari i martelletti hanno sonagli e campanellini, per fare in modo che ogni battito del martelletto produca un suono percussivo.

1a361ab3611da8835a3513dcc1e47395_orig

La musica popolare è parte integrante della cultura napoletana, un “pezzo” fondamentale della città, così come lo sono alcuni degli strumenti più folkloristici della tradizione partenopea come il Putipù, lo Scetavajasse e il Triccheballacche appunto.

La distanza alla massima apertura tra i martelli deve essere tale da consentire la percussione dei due esterni contro quello centrale. L’aggiunta di ciceri di latta come nella tammorra e di sonagli determina, assieme alla percussione dei martelli, il tipico suono.

Da sempre accompagna la Tammurriata, ballo tradizionale campano, la tarantella napoletana, fino ad estendersi ai territori limitrofi del basso Lazio.

https://youtu.be/FkGrgM5dfcc

https://youtu.be/oWh6GGq3VhU



Tags: