Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Ars Nova Napoli: E senza acqua la terra more

Ars Nova Napoli: E senza acqua la terra more

 

 

 

E' uscito il 24 maggio per Apogeo Records "E senza acqua la terra more", il nuovo album di inediti

Annunciato anche il tour estivo (date in aggiornamento):

 

07-10/06 FIMU Festival, Belfort - Francia

13/06 Parco dei Ventaglieri, Montesanto - Napoli

07/07 Festival – Pisa

10-13/07 Mercanzia, Certaldo – Firenze

31/08 In Vico Veritas - Palma Campania (NA)

21/09 Festival - Praiano (SA)

 

A dieci anni dalla nascita degli Ars Nova, è uscito per l'etichetta Apogeo Records il nuovo album, “E senza acqua la terra more”, disponibile dal 24 maggio su CD e su tutte le piattaforme digitali. Il secondo lavoro in studio della giovane ensemble raccoglie la ricerca musicale degli ultimi due anni, culminata per la prima volta nella realizzazione di inediti. Il disco è stato anticipato – in data 17 maggio – da “La catalana”, singolo accompagnato da un videoclip live: la dimensione dal vivo, infatti, meglio esprime il potenziale performativo di una band, compiuto esempio di contaminazione musicale, che da realtà "busker" si avvia ad una nuova fase, più matura e consapevole. Sarà possibile, dunque, apprezzare il loro approccio trascinante al live, in occasione del tour estivo che li porterà in giro per l'Italia, e non solo: in particolare, si esibiranno a Napoli – in compagnia di tanti ospiti – giovedì 13 giugno alle ore 21 al Parco dei Ventaglieri di Montesanto. Ingresso libero.

Tralasciando i binari canonici della ricerca etnografica degli ultimi anni, il gruppo ha da sempre mantenuto un suono proprio senza mai rinchiudersi in repertori classici tradizionali ed, essendo consapevole del continuo e rapido scambio avvenuto nel tempo tra numerosissime culture, ha preferito lavorare su melodie e parole comuni a svariate comunità d'Europa, e non solo. E come i ricercatori del Novecento che hanno riscontrato altrettante similitudini tra culture diverse, così gli Ars Nova propongono una musica senza barriere.

Un esempio autorevole è la cantautrice Rosa Balistreri, che combinò valzer venezuelano e serenata siciliana creando così un nuovo standard della musica popolare: su scala ridotta ma con lo stesso spirito, il gruppo mischia suoni, parole ed esperienze anteponendo il gusto personale a quello convenzionale.

Insomma, gli Ars Nova Napoli non si arrendono all'idea dell'appiattimento, della classificazione e della divisione stringente dei possibili linguaggi musicali: "Siamo figli del centro storico di Napoli, frequentato costantemente da suoni, lingue e sapori provenienti da tutto il mondo! Lautari Rumeni, Africani, Capoverdiani a Montesanto, Srilankesi nel Cavone, l'Oriente a Porta Capuana, Il Pakistan nei Quartieri Spagnoli ci insegnano che la nostra città è una finestra aperta sulle differenze. Ed è da un simile spirito d'accoglienza che nasce questo disco!".







Commenta