Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica PopoIare ltaIiana

Chiama

Chiudi

Storia di un antico suonatore di organetto, raccontata da Moni Ovadia e Alessandro Parente

Storia di un antico suonatore di organetto, l'audiolibro con la voce di Moni Ovadia, musiche di Alessandro Parente

Un audiolibro che diventa una festa concerto: “Storia di un antico suonatore di organetto”.

 

 

Sul palcoscenico del Teatro Italia di Roma ad affiancare Alessandro Parente, il musicista e organettista di Coreno Ausonio che ha raccolto la prestigiosa adesione, tra gli altri, di Moni Ovadia, Giovanna Marini, Lucilla Galeazzi, Ellade Bandini, Piero Ricci, Domenico Adriano e Laerte Scotti per presentare questo audiolibro che, letto da Moni Ovadia, con testi e musiche di Alessandro Parente, è stato appena pubblicato da Emons Edizioni per trasformarsi in un racconto dal vivo scandito dalle note di grandi musicisti.

 

 

La vicenda che vi si narra è quella di Vincenzo Del Seni di Coreno Ausonio, mitico suonatore di organetto dell’antica Terra di Lavoro, una “piccola” ma significativa storia che attraversa il Novecento, tra guerra, povertà, emigrazione e ricostruzione, fino ai nostri giorni, diventando simbolo di un’epoca lontana, ma ben presente nelle radici di chiunque si soffermi a dipanare il filo delle generazioni.

Raccontata ai piedi del monte Maio nell’antica Terra di Lavoro, oggi, la storia di Vincenzo potrebbe essere quella di ogni contadino suonatore e cantore della nostra penisola. Vincenzo, Orfeo dalle mani callose ma agili, è "un eroe dei nostri tempi e il suo organetto non è un curioso e simpatico oggetto da museo delle tradizioni popolari, ma una scatola di nostre memorie, poetiche e musicali che, come fenomeni carsici filtrano e riemergono anche nella musica viva dell’oggi, evocando ritmi, melodie, voci e movimenti che hanno sapore di acqua sorgiva e i colori che la mano sapiente della natura depone sulle ore felici e sugli addii della nostra vita.”

Hanno partecipato all’evento di presentazione al Teatro Italia il 9 novembre anche due orchestre di organetti: “Il giardino della Pietra fiorita” e “Tradizione in divenire”, oltre a molti altri musicisti: Giulia Grassi (tastiere e voce), Marco Pescosolido (violoncello), Anna Tranquilla Neri (voce), Maura Amata (voce). Ha danzato invece Daniela Evangelista, ottima coreografa e insegnante del CCP Tufello presente in sala con tanti suoi iscritti e fans.

 







Commenta