Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

E' online il n.343 di Blogfoolk

Link:
www.blogfoolk.com/2018/01/numero-343-del-31-gennaio-2018.html
Data scadenza:
Contatto:
Salvatore Esposito - Direttore Editoriale
E-mail:
blogfoolkATgmailDOTcom
Telefono:
Area
World
Nome scuola:
Blogfoolk
Sito ufficiale o Facebook:
www.blogfoolk.com
Indirizzo sede principale:
Caserta
Indirizzo sede secondaria:
Roma
Contatti (mail o telefono):
Registrati per votare
I sentieri sonori del numero # 343 di Blogfoolk ci conducono, innanzitutto, a incontrare Mirkoeilcane, intervistato da Elisabetta Malantrucco, alla quale il cantautore e chitarrista si è raccontato a tutto tondo, dalla sua formazione al suo disco di debutto per giungere al secondo album di prossima pubblicazione. Proseguiamo lungo la strada del folk di larghe vedute con “A Man I’d Rather Be” due box-set con la ristampa integrale dei primi otto CD solisti dell’imprescindibile chitarrista scozzese Bert Jansch. Invece, dietro il nome di “Belem & The Mekanics” si celano l’organettista Didier Laloy e la violoncellista Kathy Adam, che suonano in “trio” nel singolare sodalizio con l’orchestra meccanica computerizzata diretta da Walter Hus. Facciamo ritorno in Italia, e precisamente in Basilicata per “Matalena”, il secondo album degli Auriko. Fresca di pubblicazione è la nuova emissione dell’opuscolo di informazione “La Piva Dal Carner”, mentre ancora per la musica di casa nostra, vi presentiamo la proposta del duo napoletano PMS, al debutto con “Di giallo e di grigio” e il progetto di Valerio Daniele “Primo canto della macchia”, che incrocia le sei corde e le opere dell’artista salentino Egidio Marullo. Sul versante jazzistico c’è il corposo contributo retrospettivo su Giorgio Gaslini, curato da Paolo Mercurio. Ancora, si parla di “border music” con l’intervista a Girolamo De Simone, che ci ha raccontato la scoperta di nastri inediti del compositore napoletano Luciano Cilio. Controcopertina affidata, come sempre, a Valerio Corzani, che nel suo scatto coglie il trombettista jazz Giovanni Falzone. In conclusione, non possiamo non ricordare Antonio Infantino, musicista geniale che ci ha lasciati: non è stato solo il leader storico dei Tarantolati di Tricarico, ma un artista che ha sempre guardato oltre, sfidando purismi e classificazioni (qui trovate una lunga e bella intervista con l’architetto della trance, raccolta da Salvatore Esposito). Un pensiero va anche a Carlo Mariani, romano innamorato delle launeddas che studiò con Dionigi Burranca. Da trio Tanit all’incontro con Dave Liebman ha portato lo strumento tricalamo oltre l’alveo tradizionale. Ciro De Rosa Direttore Responsabile di www.blogfoolk.com COVER STORY Secondo Me: Intervista con Mirkoeilcane WORLD MUSIC Bert Jansch – A Man I’d Rather Be Voll. 1 e 2 (Earth Recordings, 2018) #CONSIGLIATOBLOGFOOLK Belem & The Mekanics – Belem & Mechanics (Igloo Records/Zig Zag World, 2017) VIAGGIO IN ITALIA Auriko – Matalena (Autoprodotto, 2017) LETTURE La Piva Dal Carnér, Serie II, n.20, Gennaio 2018 ITALIAN SOUNDS GOOD PMS – Di giallo e grigio (Arealive, 2017) STRINGS Velerio Daniele – Primo canto alla macchia (Desuonatori, 2017) SUONI JAZZ Giorgio Gaslini, musica cosmopolita con stile, coraggio e umanità CONTEMPORANEA I nastri inediti di Luciano Cilio. Intervista con Girolamo De Simone CORZANI AIRLINES Giovanni Falzone