Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Ppolare Italiana

Chiama

Chiudi
Home » Regioni » Emilia-Romagna-Articoli » Il MEI chiude con un altro successo l’edizione 2017

Il MEI chiude con un altro successo l’edizione 2017

Il MEI chiude con un altro successo l’edizione 2017

E’ stata la cantautrice bolognese Roberta Giallo ad aggiudicarsi il Premio dei Premi, il contest del Mei di Faenza che ha riunito, sabato scorso, i vincitori dei più importanti concorsi italiani di canzone d’autore e world music intitolati a cantautori scomparsi. Al secondo posto i siciliani Pupi di Surfaro, al terzo la siculo-belga Sighanda. Nella serata si sono esibiti in veste di ospiti Daniele Isola, Braschi, Gianluca Secco e Leo Folgori, mentre Brunori Sas è stato premiato dal Mei con il Pimi 2017 come Artista indipendente dell’anno. Al Teatro Masini ogni artista ha eseguito un brano proprio ed una cover di un nome storico della musica italiana. Una sorta di passaggio di testimone dai grandi protagonisti della nostra canzone ai giovani che ne stanno raccogliendo l’eredità. Giallo è cantautrice, interprete, performer teatrale. Nonostante la giovane età ha collaborato con artisti come Lucio Dalla, Samuele Bersani, Simona Molinari. Il 20 gennaio scorso ha pubblicato il suo primo album, “L’oscurità di Guillaume”, prodotto ed arrangiato da Mauro Malavasi. Era in gara a Faenza per il Premio Bindi, che ha vinto a luglio. I Pupi Di Surfaro rappresentavano invece il Premio Andrea Parodi e Sighanda il Premio d’Aponte. Sono saliti con loro sul palco: Mezzania per il Premio Bertoli, i Blindur per il Premio Buscaglione, Giulia Mei per il Premio Cesa, i Tamuna per il Premio De André, Guido Maria Grillo per il Premio Lauzi, Carmen Ferreri per il Premio Luttazzi, Rusty per il Premio Mia Martini. Il Premio dei Premi ideato da Giordano Sangiorgi, patron del MEI, e ideatore di tantissime innovazioni della manifestazione come il Forum del Giornalismo Musicale e tantissime altre idee presenti durante ala kermesse, è stato realizzato con la consulenza artistica di Enrico Deregibus, che ha anche presentato il contest. La vincitrice si è aggiudicata un riconoscimento in denaro, un pacchetto promozionale a cura dell’Altoparlante, uno spazio nei canali del Mei e una session gratuita di registrazione nei leggendari studi Fonoprint di Bologna. A decidere è stata una nutrita giuria composta da addetti ai lavori come Alberto Salerno (Officina della musica e delle parole), Tino Silvestri (manager), Michele Lionello (Voci per la libertà), Leopoldo Cavalli (Fonoprint), Daniela Esposito (Strategie di comunicazione), Giuseppe Marasco (Calabriasona), Carlo Mercadante (Isola Tobia label), Amedeo Bianchi (storico sassofonista), Lorenzo Pellegrini (ILiveMusic) e due importanti nomi stranieri come Henriette Heimdal (Win, il network mondiale delle etichette indipendenti) e Emmanuel Donati (del distributore digitale Jamendo). Con loro alcuni dei giornalisti aderenti al 2° Forum del giornalismo musicale, che si è tenuto al Mei con incontri, corsi di aggiornamento, premiazioni e una assemblea finale. Si tratta di Roberta Balzotti, Tiziana Barillà, Giancarlo Bolther, Valentina Brunelli, Cinzia Canali, Giuseppe Catani, Piero Chianura, Luca D’Ambrosio, Fabio Guastalla, Elisabetta Malantrucco, Michele Manzotti, Claudia Marchetti, Vincenzo Martorella, Marco Messineo, Nello Pappalardo, Alessandro Sgritta, Dejan Uberti, Barbara Urizzi, Rossella Vetrano. Nell’ultima giornata del MEI la finale del Mei Superstage:  Sono stati circa 250 gli artisti iscritti all’edizione 2017 del Superstage, lo storico contest organizzato Rumore di Fondo e Mei, in collaborazione con Incisioni Contest e rivolto a tutti gli artisti e band emergenti che vorranno mettersi in gioco, per suonare al Mei e vincere gli importanti premi in palio. Al termine una qualificata giuria, coordinata da Giordano Sangiorgi del Mei e Riccardo De Stefano di Exit Well, ha dichiarato vincitore il progetto di Blake Snake Moan, con un nome che fa riferimento a un film di dieci anni fa. Si tratta di one man band in stile spiritual psychedelic folk blues. Si è aggiudicato la stampa di 300 dischi e l’accesso diretto alla finale di Incisioni Contest 2018, con la possibilità quindi di vincere premi come la stampa di 300 dischi in vinile 45 giri, videoclip, servizi fotografici, siti web. Infine, il regista Lorenzo Vignolo, con la collaborazione di Fabrizio Galassi, ha realizzato durante il Mei in due giorni grazie a un workshop coi ragazzi iscritti al laboratorio gratuito il nuovo video del cantautore Cortex, progetto di punta dlela collana discografica Mi Sento Indie di Irma Records, partito in tour per l’Italia in questi giorni grazie al progetto Sillmina di Mibact e Siae a cura di Materiali Musicali che avra’ così un nuovo clip di accompagnamento lungo le dieci date in lungo e in largo per l’Italia. Nei tre giorni presenti con successo grandi artisti della scena indie italiana di tre generazioni dagli Skiantos a Garbo, da Ambrogio Sparagna agli Opus Avantra , dai Modena City Ramblers a Enrico Capuano , per arrivare agli Espana Circo Este e Zibba fino ai Perturbazione e Diodato per arrivare fino ai Canova, Claver Gold e Banda Rulli Frulli e poi Braschi, Secco, Leo Folgori, Daniele Isola, Cortex e tantissimi altri giovani esordienti facendo diventare il MEI un punto di riferimento per tutta la scena indipendente ed emergente italiana grazie anche quest’anno a un importante rinnovamento dell’immagine, dello stile grafico e della comunicazione fino ad arrivare alla App del MEI