Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Torna il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli

Torna il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli

Arriva un ulteriore, atteso appuntamento nell'ambito di Entroterre, la rassegna regionale di musica, cultura e territori, che sta proponendo un ricco programma di eventi tra Emilia e Romagna, per la valorizzazione delle diverse tradizioni musicali in un intrinseco legame con il territorio.

Il 25 agosto infatti prende il via il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli, con le mille strade della musica nordica che si incontreranno nella suggestiva cornice della Rocca. Il Festival di Musica Popolare di Forlimpopoli è da più di vent’anni in prima linea per far sì che le musiche popolari nate nel corso dei secoli non vadano perse. L’edizione di quest’anno offre spettacoli affascinanti: filo conduttore del Festival di Forlimpopoli sarà il tema “Guardando a Nord – Fra miti celtici, suggestioni nordiche e un pizzico di Romagna”. Si passerà dall’arpa celtica alla musica da ballo delle isole britanniche, in una suggestiva commistione fra la musica tradizionale dell’Emilia-Romagna e melodie Irlandesi e Svedesi. Saranno proposti inoltre il concerto dei vincitori del Premio Speciale Scuola di Musica Popolare e, come ormai da tradizione, una programmazione cinematografica.

Si comincia giovedì 25 agosto, alle ore 21.15, alla Rocca di Forlimpopoli (Forlì - Cesena): Aspettando il Festival del Cinema è il titolo di questa prima serata, in cui come oramai da tradizione il Festival di Musica Popolare propone una programmazione cinematografica scelta sulla base del tema prescelto, o ispirati da un’importante impronta musicale (Ingresso €5,50 Ridotti €3,50). Verrà proiettato il capolavoro di Fellini, “Amarcord”, in versione restaurata e ridigitalizzata.

Venerdì 26 agosto via alle proposte musicali, di nuovo alla Rocca (ingresso Interi €10, ridotti €8, abbonamento 2 serate 26 e 27 agosto €15): alle ore 21.15 è in programma la consegna del Premio speciale Scuola di Musica Popolare, assegnato ad artisti selezionati fra i partecipanti al il Premio nazionale Folk Nuove Generazioni organizzato da LiUcciFestival, Mei, Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli in collaborazione con Musica nelle Aie (Castel Raniero – Ra), Umbria Folk Festival (Orvieto – Tr), Taranta Sicily Fest (Scicli –Rg), Ande Bali e Cante (Rovigo). Poi il concerto del trio N’Eespiral (Italia/Cuba) con Sorah Rionda Hernández (voce, chitarra classica, cornamuse), Stefano Boldrin (mandolino, banjo, chitarra acustica) e Francesco Chiarini (violino, nyckelharpa, octavharpa, podoritmia).

Seguiranno I Morrigan's Wake ed ospiti: Tiziana Ferretti (voce), Davide Castiglia (violino), Maurizio Lumini (fisarmonica), Francois Gobbi (basso elettrico), Massimo Pirini (chitarra acustica, voce) e Barbara Mortarini (flauto dolce contralto e soprano, tin e low whistle) sono I componenti dei Morrigan's Wake, ed in questa occasione si avvarranno della partecipazione di Giulia Vasapollo (arpa celtica), Matteo Rimini (uillean pipe) e Fiorenzo Mengozzi (bodhran e percussioni), in un concerto che vede il Patrocinio dell'Ambasciata d'Irlanda e che commemora il centenario dell'insurrezione di Pasqua del 1916. Morrigan’s Wake, ha avviato un progetto musicale nuovo, Bloody Monday che presenta un repertorio di ballate e danze che sono state scritte per celebrare i fatti, i personaggi, lo stato d’animo di quei giorni di cento anni fa. Lo spettacolo vedrà la partecipazione di ospiti che contribuiranno con i loro strumenti ad arricchirne il sound, e uno spazio verrà dato anche alle danze di gruppo, un elemento fondamentale nella cultura popolare irlandese. La musica sul palco avrà anche il supporto di materiale audio-visivo e letture a tema, con la partecipazione di Riccardo Zoffoli e Gabriella Ceccaroni.

Il 27 agosto (ingresso € 10, Ridotto: € 8), ancora musica in Rocca a partire dalle 21, con il duo CiumaFina (Italia/Svezia), progetto che nasce dall’incontro di due anime affini, con la volontà e l’emergenza di comunicare l’amore e la passione attraverso il suono condiviso dei loro strumenti: Stefano Delvecchio (Ciuma) e Josefina Paulson (Fina). Dalle 22 spazio ai Cùig (Irlanda del Nord): Miceal Mullen (banjo, mandolino) Ronan Stewart (violino, uilleann pipes), Cathal Murphy (percussioni), Eoin Murphy (organetto), Ruairi Stewart (chitarra) propongono un suono fresco, unico e vibrante, che li pone tra gli artisti più promettenti della scena Irish traditional. Nella loro musica mettono assieme arie bretoni, galiziane e del bluegrass americano, varianti già presenti nella tradizione irlandese, e sanno già accendere le emozioni del pubblico ben aldilà della verde isola con le loro sonorità eccitanti e innovative.

Il 28 agosto, dalle ore 21, il Festival si sposta nel Cortile di Palazzo dell’Orologio, in Piazza Fratti a Forlimpopoli (ingresso € 3), con Maschere e Trance dalle gelide steppe alla piada di Frampula: le Maschere, da sempre porte su universi altri, travalicano la trance sciamanica per unirsi ad attori e musicisti. Un connubio fatto di risonanze, poesia e un bicchiere di sangiovese. Una tecnica teatrale ripresa ed elaborata da Fabio Ambrosini per affrontare un nuovo campo di sperimentazione dove le maschere realizzano una nuova fusione tra musica e teatro. Una collaborazione tra SMTP, OnTheFly Theatre, e Duo Auzir.

Chiusura del Festival di Forlimpopoli il 2 Settembre in trasferta, con la partecipazione dell’Orchestrona della Scuola di Musica Popolare di Forlimpopoli dalle ore 21.15 nella Piazzetta delle ex prigioni nel Centro storico di Bertinoro, a Fricò Royal 2016, la ormai storica Festa di musica e danze tra le vie del centro Bertinorese, in cui si incontreranno culture diverse, tutte da scoprire.



Tag: