Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Tammurriata Nera

Tammurriata Nera

Tammurriata nera è una canzone napoletana scritta nel 1944 da E. A. Mario (musica) ed Edoardo Nicolardi (testo).

Tammurriata nera racconta la storia di una donna che mette al mondo un bimbo di colore, concepito da un soldato durante l'occupazione americana. La donna, tuttavia, accetta il figlio, forte del proprio amore materno. L'intera vicenda è raccontata da una specie di "coro greco", che ironizza sul fatto che per quanto la donna rigiri i punti di vista del fatto, o gli affibbi nomi italiani come Ciccio, Antonio, Peppe o Ciro, il bambino che ha partorito è comunque di colore.

Tammurriata nera fu lanciata da Vera Nandi e fra i primi a renderla celebre vi fu Roberto Murolo, che contribuì a farla diventare famosa in tutta Italia.

Il brano entrò anche nel repertorio di Renato Carosone.

La canzone viene eseguita da un'orchestrina nella scena della trattoria di Ladri di Biciclette (1948) di Vittorio De Sica.

A livello discografico, però, la versione più ricordata di Tammurriata nera è quella registrata nel 1974 dalla Nuova Compagnia di Canto Popolare, che rimase nella hit parade dei singoli più venduti in Italia per diverse settimane.

Fra gli altri interpreti ad aver cantato una propria versione del brano si ricordano Angela Luce, Marina Pagano, Mario Trevi, Peppe Barra, Teresa De Sio, Gabriella Ferri e Lina Sastri.

 



Tag: