Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Nuova sede per il gruppo folk sardo Thiu Juanne Piu

Nasceva nel 1982 il gruppo folk Thiu Juanne Piu, raccogliendo l'eredità tramandata dal primo gruppo siniscolese che vide gli albori nel centro baroniese nel lontano 1954. Il sodalizio, che oggi vanta ben trentaquattro anni di attività, conobbe la prima esibizione a Barletta, in Puglia, prendendo parte ad un laboratorio scolastico dal titolo "ragazzi e folklore", aggiudicandosi il primo premio.

Da lì, in maniera quasi spontanea, il gruppo rappresentato da Marcello Mele, che oggi conta 40 iscritti, ha iniziato il proprio percorso mantenendo viva la passione per i balli tipici della tradizione baroniese, condividendo la rappresentanza siniscolese (provincia di Nuoro) con altre due realtà: il gruppo folk Cuccuru e Janas di Mario Pau ed il più giovane gruppo folk La Caletta.

Thiu Juanne Piu, che omaggia col suo nome l'organettista siniscolese scomparso nell'87 sostituendo così la denominazione originale di "gruppo folk Pro Loco", si è esibito in diversi circoli sardi della penisola, portando avanti il progetto denominato "baroniesu oltre lo spettacolo" anche in Spagna , Francia e Belgio.
Dal '94 al '96 accompagnò il tour dei Kenze Neke che all'epoca portavano in giro sul territorio isolano e oltre Tirreno il disco dal titolo Boghes de Pedra, l'album che forse meglio rappresenta il meticoloso lavoro della band siniscolese, se analizzato dal punto di vista della mescolanza tra sonorità di matrice rock e quelle derivanti dalle viscere della incontaminata tradizione sarda anticolonialista, espressione dei sentimenti di una terra continuamente martoriata.

Il gruppo folk del presidente Marcello Mele ha recentemente inaugurato la nuova sede, ripristinando i locali dello storico cinema siniscolese risalente agli anni cinquanta, nella centrale piazza del Mercato. «Dopo tanto pellegrinare – dice Mele – abbiamo trovato una sala in zona centrale, nella quale è nostra intenzione allestire un mini museo permanente, con oggetti di antiquariato del focolare domestico e manufatti dell'artigianato locale. La nostra attività – continua il presidente – prosegue nell'intento di tenere vive le nostre tradizioni senza avere la pretesa
di scoprire o inventare nulla, ma proseguire l'opera iniziata dai nostri avi».
Un gruppo dunque che rappresenta un attaccamento alla tradizioni fortissimo al quale dopo tanti anni di attività va riconosciuto un posto di rilievo nel panorama culturale siniscolese e dell’intera isola.



Tag: