Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Magna Mater: Laboratorio sulla visione contemporanea della danza popolare

MAGNA MATER

LABORATORIO SULLA VISIONE CONTEMPORANEA DELLA DANZA POPOLARE

13 Febbraio | 12 marzo | 9 aprile | 7 maggio

Dalle 16h alle 19h

Presso il

LED SPAZIO DANZA

Via Francesco del Giudice n.9, Napoli

Info e prenotazione: Cell: 3497428098 | 3285428140/ Email: angie.esposito86@gmail.com

Il vero canto popolare è innanzitutto la rappresentazione di un mondo interiore. Si basa su un’articolazione di “Segni”, leggibili in una visione rituale e magico-religiosa dei canti stessi. Questi infatti sono comprensibili nella loro molteplice verità secondo un codice culturale che rapporta i “segni” ad angosce collettive da esorcizzare proprio mediante la loro stessa espressione. Le principali tematiche di tali “Segni” sono: la donna o la madre, il sesso e la morte.

Il laboratorio è aperto a tutti coloro che, pur non avendo precedenti  studi di danza, intendendo compiere una ricerca sul corpo attraverso  alcuni principi base della danza contemporanea e attraverso i movimenti,  l’analisi dei testi e l’ascolto di alcune sonorità tipiche della  tradizione popolare campana, in particolar modo LA TAMMURRIATA.

Il laboratorio è aperto a uomini e donne di qualsiasi età, che abbiano  voglia di scoprirsi, di ricercare e scoprire una propria visione della  danza popolare, in una ottica nuova, e quindi, contemporanea.

A tutti quelli che intendono compiere questo viaggio nel femminile, in
queste dimensioni:

MADRE = MORTE = SESSO = MADRE

I° Incontro

Madre

Testi di riferimento:

“Canto e Danza per Montevergine”

(Esecutori: Armando Gallo)

“Tammurriata per Castello”

(Esecutori: Rosa Nocerino, Giovanni Coffarelli)

Zona: Somma Vesuviana

II° Incontro

MORTE

Testi di riferimento:

“Tammurriata di Pimonte”

(Esecutori: Francesco Somma, Salvatore Donnarumma, Ciro Miniero)

Zona: Pimonte

“Viaggio, Salita e Danza per la Madonna Avvocata”

(Esecutori: Carmine Di Matino, Domenico Taiani, Vincenzo Di Martino,
Carmine di Martino, Antonio Di Martino, Salvatoe Bellezza, Giuseppe Di
Martino)

Zona: Maiori

III°Incontro

Sesso

Testi di riferimento:

“Voci E Danza per la Madonna delle Galline”

(Esecutori: Anna Bellini, Virginia Aiello, Gioacchino Moscariello,
Ciro Califano, Antonio Torre)

“Voci e Danza per la Madonna dei Bagni”

(Esecutori: Rosa Nocerino, Giovanni del Sorbo, Vincenzo Pepe, Antonio
Torre)

Zona: Agro-Nocerino Sarnese

IV° Incontro

RITORNO ALLA MADRE

Testi di Riferimento:

“Canti a “ffigliuola e Tammurriata per Materdomini”

(Esecutori: Antonio De Luca, Gennaro Albano, Luigi Auricchio, Domenico
Catapano, Pasquale Boccia)

Zona: Somma Vesuviana, Terzigno

Programma dettagliato:

- - Riscaldamento del corpo sulla base della tecnica
contemporanea

- - Postura e Accentramento

- - Scomposizione e dissociazione corporea

- - Lavoro sulle articolazioni

- - Esercizi di stile tipici della danza contemporanea

- - Gestualità e mimica tipici della danza popolare

- - Camminate e passi danzati tratti dall’espressione coreutica
popolare e della danza contemporanea

- - Danza nel “Grande Cerchio” in una visione contemporanea
della danza popolare

Per la danza popolare si analizzeranno ed interpreteranno alcuni stili
per zona ed area:

- - Agro - Nocerino Sarnese

- - Vesuviana (Sommese, Terzignese)

- - Dei monti Lattari (Avvocata, Pimontese)

Per la danza contemporanea si utilizzeranno alcuni nozioni base della  tecnica Limon utili per preparare il corpo al movimento e trasformare il  movimento in danza.

Bibliografia

Jung C.G., Opere 9, tomo 1, Bollati Boringhieri, Torino, 1980

Neumann E., La grande madre, astrolabio, Roma, 1981

De Simone R., Canti e tradizioni popolari in Campania, ed. Lato side,
1979

Angela Esposito

Danzatrice, Performer, Coreografa

Direttrice del Laboratorio Stabile Danze del Sud Italia

Nata e cresciuta nella zona vesuviana, fin da bambina, osserva e  partecipa ai rituali annuali contadini della zona agro-sommese.  Crescendo si appassiona ad altri stili di danze tradizionali campane,  osservando e assimilando la coreutica delle Tammurriate dei Monti  Lattari e dell'area Domiziana.

Nel 2008 studia e ricerca l'atto performatico attraverso il corso di  danze rituali della Puglia condotto da Mattia Doto, presso  l’associazione culturale TARANTA POWER, diretta da Eugenio Bennato.  Percorso in cui matura un profondo lavoro sul corpo e sulla presenza scenica, attraverso alcuni principi di lavoro e di training tipici del teatro-danza contemporaneo. Nello stesso tempo prosegue i suoi studi sulle altre danze del sud  Italia, osservando sul campo, nei luoghi e nei contesti in cui si svolge  la danza, dalla Pizzica Pizzica del Alto Salento, allo stile ostunese della Bassa Murgia, dalla Tarantella Cilentana al Sonu a Ballu Riggitano.

Dal 2011 insegna presso numerose strutture del territorio campano (Napoli, Pomigliano d’Arco, Scisciano, Somma Vesuviana, Cercola, Torre del Greco, Portici). Nel 2014 collabora con l’antropologo dott. Fabio Birotti nei Progetti PON rivolti alle Scuole.

Dal 2012 al 2015 ha collaborato con l'Associazione SuDanzare, con sede a Parigi, in qualità di insegnante, danzatrice e responsabile per la regione Campania.

Nel 2014 partecipa, come componente della compagnia omonima di teatro danza, allo spettacolo "sanTarantella", la cui prima nazionale è andata in scena al Museo Archeologico Nazionale di Napoli e successivamente al Teatro Stabile d'Innovazione Galleria Toledo.

Nel 2015 inizia un percorso di ricerca sulla visione contemporanea della danza popolare. Ricerca da cui nascono laboratori e coreografie, lavori presentati in seguito durante gli spettacoli di fine anno dell’Accademia Iris di Portici, diretta da Valeria Schiano, e del centro studi Arteballetto di Pomigliano D’arco, diretto da Daniela Sorrenti.

Collabora con vari artisti della scena musicale campana e non, come: i Rareca Antica, A paranza r'o Lione, Paranza dell’Agro, Pino Jove, Luna Calante, Progetto Sanacore, Marilù & i Contrabballo, Rione Junno, e con la danzatrice/performer Ashai Arop Lombardo (nel Workshop Tammurriata
Nera).

Dal 2015 dirige il Laboratorio Stabile di danze del Sud Italia, con sede principale a Napoli presso il Led Spazio Danza, e presso altre strutture (Accademia Iris di Portici, Centro Studi Arteballetto di Pomigliano D'arco, Arte in movimento di Cercola), dove svolge incontri di danze tradizionali e sulla visione contemporanea delle danze popolari.



Tag: