Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

XXV edizione del Festival della Canzone Romana

Giunto alla sua XXV edizione, torna al Teatro Olimpico di Roma il Festival della Canzone Romana, la storica manifestazione nata con l’intento di valorizzare il patrimonio della romanità in musica attraverso un concorso aperto a compositori, autori e interpreti di questo genere musicale.
Lunedi 30 novembre alle ore 21, andrà in scena la festa per il venticinquennale di questa prestigiosa iniziativa che quest’anno ospiterà anche alcune delle canzoni vincitrici delle passate edizioni e numerose colonne storiche del repertorio romano.

locandina 2015

È difficile poter ritrovare le fonti alle quali attinse le proprie origine la canzone romana, si sa che nelle feste dell’antica Roma, si svolgevano manifestazioni con canti e balli in onore di alcune divinità.
Nella Roma ottocentesca si ricordano le feste di piazza Navona e quelle più recenti come la Festa di San Giovanni, più delle altre legata alla canzone romana. Nel 1891 venne istituita la prima audizione “Sagra della Canzone Romana”.

Sono stati scritti numerosi libri sulla “storia della canzone romana”, proprio Giuseppe Micheli, autore e cultore della romanità, nel 1965 realizzò una collana di quattro volumi edizioni ponentino, impegnandosi in una affannosa ricerca musicale che spazia nel tempo dall’antica Roma ai nostri giorni, documenti e materiale inedito.

Per circa cento anni, dall’ultimo concorso canoro,la canzone romana si è lasciata indifferentemente morire nel dimenticatoio; proprio per questo motivo,il produttore e organizzatore Lino Fabrizi, pensando che Roma non aveva una sua manifestazione che tenesse alto il valore della tradizione artistica musicale, ha ritenuto necessario fondare un Festival. Da questa riflessione, nel 1991 in piazza S.Maria in Trastevere e nell’ambito della Festa de’Noantri è nato il 1° Concorso del Festival della Nuova Canzone Romana; “nuova” per dare spazio alle melodie di oggi. Il nome dell’evento originariamente era questo, poi la stampa ha sempre riportato soltanto la dicitura Festival della Canzone Romana che alla fine è diventata quella ufficiale.

22 I Vianella

Il Festival della Canzone Romana si differenzia da tutti gli altri Festival popolari perché non è esclusivamente in dialetto, qualunque canzone può essere ammessa al concorso, purchè tratti in qualche modo, la romanità o sia dedicata alla Città Eterna.
Carrozzelle, fontane, tramonti e storie d’amore. La romanità è quella di un tempo. Intramontabile ed eterna, cristallizzata da melodie indimenticabili.
Da Fregoli a Petrolini, da Rascel a Garinei e Giovannini da Claudio Villa ad Antonello Venditti.

Ambrogio Sparagna

Ogni anno un appuntamento fisso rende omaggio a tutto questo.
In questo ventennio, il Festival della canzone romana ha visto succedersi artisti come Renato Zero, Nino Manfredi, Carlo Verdone, Franco Califano, Giancarlo Magalli, Michele Mirabella, Lando Fiorini, Enrico Brignano, Lillo e Greg, Salvi, Mario Scaccia, Fiorenzo Fiorentini, Stefano Rosso, Gigi Sabani, Luciano Rossi, Rodolfo Laganà, I Vianella, I Cugini di Campagna, Bobby Solo, Stefano Masciarelli, il Maestro Stelvio Cipriani, Manuela Villa, Mal,Giorgio Onorato, La Schola Cantorum e tanti altri.

10 LUCIANO ROSSI

 

Ma al di là degli interpreti che il Festival riesce a richiamare, l’importanza della manifestazione è la capacità di sopravvivere per 24 anni consecutivi.
Insistere con queste storiche manifestazioni popolari, dialettali o meno, rappresenta una scelta giusta e coraggiosa. Da sostenere concretamente e da valorizzare.

Raffaella Misiti & LE ROMANE by Simone Cecchetti

Lino Fabrizi presidente dell’Associazione culturale Amata Italia, vuole anche quest’anno premiare la tradizione invitando un nutrito parterre di artisti che hanno lasciato nelle proprie canzoni indimenticabili ed inequivocabili segni del loro talento ed orgoglio romano. Come è ormai noto, la manifestazione propone un concorso aperto a giovani compositori, autori ed interpreti, i brani non debbono essere necessariamente in dialetto, purchè il tema sia dedicato alla romanità. Questa edizione, come dicevamo la XXV , ci porterà alla riscoperta delle più belle canzoni vincitrici delle edizioni passate di questo Festival.

alessandro-di-carlo

L’evento ospiterà artisti di fama nazionale ( I Vianella, Ambrogio Sparagna, Luciano Rossi, I Cugini di Campagna, Elena Bonelli, Giorgio Onorato, Alberto Laurenti e i Rumba De Mar, Paolo Gatti, Sandro Scapicchio, Raffaella Misiti e le romane, Fiammetta, Enzo Schiavone, Anna Bello, Valentina, Eleonora Tosto, Alessio Pistoia, Angelo Blasetti), il corpo di ballo della Crazy Gang, mentre la parte comica è stata riservata ad Alessandro Di Carlo, naturalmente non mancheranno i ragazzi del folklore romano diretti dal maestro Fabrizio Masci, Stefano Stopponi curerà le coreografie del balletto della Crazy Gang, la conduzione è affidata a Loretta Rossi Stuart e Stefano Raucci.

cugini foto aggiornata 2

A primavera del 2016 è prevista l’uscita di una compilation live della serata finale e del libro sulla storia della canzone romana attraverso il suo Festival.

La continuità di questa manifestazione, portata avanti con dedizione e passione dal suo ideatore Lino Fabrizi, è un significativo esempio di come sia necessario diffondere e proseguire un percorso storico attraverso un’antologia di brani, dedicati o ambientati a Roma, che spazia dal 1800 ai giorni nostri.

Stefano e Loretta Rossi Stuart saranno gli ospiti presentatori di questa speciale edizione che vedrà cantare la Roma folkloristica con le sue carrozzelle, i suoi tramonti e le sue fontane, ma anche quella quotidiana con i suoi crucci e le sue storie d’amore.

Stornellatori 1

 

Per informazioni: www.festivaldellacanzoneromana.com info@festivaldellacanzoneromana.com

Infoline: 06 3265991 (Teatro Olimpico) – 0670307000 - 3403409482
Uff. stampa Lino Fabrizi 3403409482 - 0677202998

Biglietteria:
poltronissima € 30 - poltrona e balconata € 25 - galleria € 20
+ prevendita
Per gruppi da 50 persone:
Poltronissima: € 25 anziché 30
poltrona e balconata: € 20 anziché 25
Galleria: € 15 anziché 20
+ prevendita 10%



Tag: