Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Ti presento… Municipale Balcanica

Municipale Balcanica

Alle volte la vita riserva delle coincidenze che finiscono poi col diventare vere e proprie svolte di vita. Immaginate un classico 'pianterreno' pugliese della cittadina di Terlizzi, in provincia di Bari, un angolo del mondo in cui è più facile riuscire a intercettare fragranze musicali provenienti dall'est del Mediterraneo: un caso, forse appena una circostanza favorevole che, ad ogni modo, ha trovato terreno fertile nell'estro musicale e nella curiosità culturale di cinque amici.

È così che Nico Marziale, Paolo Scagliola, Raffaele Piccolomini, Michele Rubini e Mimmo Tricarico hanno fondato la Municipale Balcanica, formazione che fa della contaminazione multietnica e musicale la propria caratteristica peculiare.

A dimostrazione della propria ampiezza di vedute, la Municipale Balcanica si è costituita come associazione culturale per promuovere la diffusione delle culture musicali del Mediterraneo: oggi, nonostante la sua fondazione risalga ad appena 10 anni fa, può già vantare al suo attivo un'innumerevole serie di apparizioni internazionali, spesso così rilevanti da essere state patrocinate dall'Unione Europea e dagli Istituti Italiani di Cultura. Su tutte, spiccano le seguenti: Berlin Jazz Fest (Berlin), Le gipfel du jazz (Freiburg), Jazz Haed (Breme), Festival Der Kulturen (Suttgart), 2009 Eve Concert (Lisboa), Musiques de nuit (Bordeaux), Ost-Klub (Wien), Podium Mozayak (Amsterdam), Jazz a Luz (Luz Saint Saveur), Italian Embassy (Ankara), July Jazz (Smolyan).

Fondata nel 2003, dopo due anni e 200 concerti la Municipale Balcanica ha pubblicato il suo primo disco, "Fòua", tentativo di fusione tra la musica popolare pugliese e la world music: è la sua opera prima, quella attraverso la quale si è imposta all'attenzione dei media nazionali ed internazionali, riscuotendo tra l'altro un forte consenso presso pubblico e critica.

Forte di questo primo successo discografico, la formazione ha tenuto altri 200 concerti - in giro tra Italia, Germania, Francia, Olanda, Portogallo, Austria, Turchia, Bulgaria, Slovenia, Polonia - per poi pubblicare, nel 2008, il suo secondo album: “Road to Damascus”, disco che conteneva brani tradizionali, originali, classici e sperimentali.

Una volta raggiunta quota 500 concerti, la Municipale Balcanica nel 2012 ha pubblicato il suo terzo lavoro discografico, "Offbeat", disco in cui la contaminazione di generi e sonorità ha raggiunto un orizzonte ancora più ampio.



Tag: