Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

Tanto ‘pe cantà

Continua il viaggio di musica popolare italiana alla ricerca dei canti della tradizione. Oggi dopo Napoli torniamo a Roma e dedichiamo il nostro focus on settimanale ad un canto conosciuto in tutto il mondo e al suo autore, il divo istrione Ettore Petrolini: Tanto 'pe cantà.

Conosciuto in tutto il mondo come attore tutto genio e fantasia, il macchiettista Petrolini è uno degli autori che ha segnato la storia della musica popolare con Gastone e Ma cos'è questa crisi, ma anche con alcuni capisaldi del folk romano come Nannì e Tanto pe' cantà.

Tanto ‘pe cantà è una canzone introdotta da un parlato fortemente caratterizzato dal dialetto. Il dialetto come fonte, ironia e caricatura. Con il passare degli anni la canzone è diventata un must tra gli stornelli romaneschi. Nasce con Petrolini e Natale Simeoni nel 1932 ma il vero successo arriva nel 1970 quando Nino Manfredi, ospite al Festival di Sanremo, interpreta il brano ed è subito un boom. Nei mesi successivi la canzone iniziò a scalare tutte le classifiche musicali riscuotendo successo di critica e di pubblico. Il brano musicalmente è stato arrangiato dal grande Maurizio De Angelis, uno degli Oliver Onions celebri per i brani dei film di Bud Spencer e Terence Hill.

Manfredi intuisce subito la grandezza e l’attualità del pezzo e ne fa una sua cifra narrativa e stilistica, senza immaginarne il successo avuto. Nino Manfredi non è un cantante di professione, è un attore, un improvvisatore capace di dare emozioni con uno dei canti della romanità. Un canto che negli anni è stato portato al successo anche grazia all’interpretazione di Renzo Arbore, Lando Fiorini, Burt Goldman, Gigi Proietti e Claudio Villa. Tanti numeri 1 legati dalla passione per il canto e per l’arte.

 

E' una canzone senza titolo,

tanto 'pe cantà, 'pe fà qualche cosa,

nun è "gnente de straordinario,

è roba del paese nostro

che se pò cantà pure senza voce ...

basta 'a salute,

quanno c'è 'a salute c'è tutto,

basta 'a salute e un par de scarpe nove,

che poi girà tutto 'er monno

che m'accompagno da me !

 

'Pe fà la vita meno amara,

me sò comprato 'sta chitara,

e quanno er sole scenne e more

me sento 'n'core cantatore,

la voce è poca ma intonata,

nun serve a fà 'na serenata,

ma serve solo 'a fà in maniera,

de farme 'nsonno a primma sera.

 

Tanto 'pe cantà

pecchè me sento 'n' friccico ner core,

tanto 'pe sognà

perchè ner petto me ce naschi 'n' fiore,

fiore de lillà

che m'ariporti verso er primo amore

che sospirava alle canzoni mie

e m'arintontoniva de bucie.

 

Canzoni belle e appassionate,

che Roma mia m'aricordate,

cantate solo 'pe dispetto

ma 'cò 'na smania dentro ar petto,

io nun ve canto a voce piena

ma tutta l'anima è serena,

e quanno er cielo se scolora

de me nessuna se innamora.

 

Tanto 'pe cantà

pecchè me sento 'n' friccico ner core,

tanto 'pe sognà

perchè ner petto me ce naschi 'n' fiore,

fiore de lillà

che m'ariporti verso er primo amore

che sospirava alle canzoni mie

e m'arintontoniva de bucie.

http://youtu.be/tkRW5q0DzVg



Tag: