Your message has been sent, you will be contacted soon
Musica Popolare Italiana

Chiama

Chiudi

La grande guerra di Moni Ovadia e Lucilla Galeazzi

Su musica popolare italiana moni ovaiaIeri il blog di musica popolare italiana ha fatto tappa al Ravenna Festival. Lo spazio del Teatro Alighieri si è aperto ad un duo unico: Moni Ovadia e Lucilla Galeazzi. In scena la doppia guerra dei friulani.

Il primo? Uomo di assoluta versatilità. Naviga a vista tra musica e teatro. Da sempre Moni Ovadia è un attento ricercatore di musica tradizionale e di terre dei suoni. Lavora sulle culture e sulle sonorità altre, sulle storie vere, sulle tragedie dell’umanità.

La seconda? Una delle più belle voci della musica popolare italiana. Lucilla Galeazzi ha iniziato a cantare accanto a Giovanni Marini, per poi lavorare con la cultura musicale francese, la musica improvvisata e il jazz. Con Roberto De Simone ha portato avanti un importante collaborazione. Carlo Rizzo, Ambrogio Sparagna e Riccardo Tesi, Luciano Berio: la Galeazzi tra le sonorità terrene, l’epicità di una nota e la profondità delle origini.

Il duo Ovadia Galeazzi ha portato in scena la storia della Grande Guerra puntando il loro sguardo sulle tante storie, sui tanti conflitti, sulla tragedia vissuta dai friulani.

Su musica popolare italiana Lucilla Galeazzi

Arruolati allo scoppio della Prima Guerra Mondiale dall’esercito austriaco, i friulani furono mandati sul fronte orientale, trovandosi nel 1915 a combattere contro l’esercito italiano. Questa è una vera tragedia messa in scena da Moni Ovadia e Lucilla Galeazzi insieme a quattro musicisti: Massimo Macer (tromba), Paolo Rocca (clarinetto), Albert Florian Mihai (fisarmonica), Luca Garlaschelli (contrabbasso).

Moni Ovadia e Lucilla Galeazzi portano in primo piano le parole e i suoni degli uomini. Tutto è raccontato attraverso i diari.Racconti di uomini e donne si intervallano continuamente alla memoria di grandi poeti (Gadda, Ungaretti), di canti patriottici e di canti contro la guerra, canti d’autore (Trilussa, E. A. Mario) e anonimi come il celebre O Gorizia tu sei maledetta. Nell’insieme, un coro di voci esprime il suo grande e unico grido di dolore.

L'Italia risuona per non dimenticare!

http://youtu.be/5lxmKCUWvr0

 



Tag: